ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 3 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Bidighinzu, 2 milioni di mc di acqua in meno rispetto allo scorso anno. L’Assessore Salaris: “Impegnati per fronteggiare l’emergenza,15 milioni per combattere lo spreco d’acqua”

Cagliari, 5 maggio 2022 – Dopo il monitoraggio costante su tutti gli invasi della Sardegna avviato da mesi, la Regione affronta le criticità del lago Bidighinzu, in sofferenza per la poco acqua invasata, al punto da non consentire l’assegnazione di acqua ai fini irrigui alla località Valle dei Giunchi. All’incontro in videoconferenza, guidato dagli Assessori dei Lavori Pubblici, Aldo Salaris, e dell’agricoltura, Gabriella Murgia, hanno partecipato i rappresentanti dell’Ente acque della Sardegna, Enas, dell’Agenzia regionale del distretto idrografico della Sardegna, Adis e del Comune di Ittiri che ha avanzato la richiesta di risorsa idrica per la produzione del carciofo spinoso relativamente al periodo che va dal primo giungo al 30 novembre.

Due le criticità esposte nel corso dell’incontro: la situazione del lago Bidighinzu, che per effetto delle mancate precipitazioni ha invasato meno acqua rispetto allo scorso anno (5 milioni e 700mila di metri cubi d’acqua al momento presenti nell’invaso, che garantirebbero quindi un approvvigionamento prioritario per l’uso potabile, contro i quasi 8 milioni di mc dello scorso anno) e la situazione critica in cui versa la condotta dell’Enas.

“Al momento abbiamo l’esigenza di garantire l’approvvigionamento di acqua potabile per Sassari e gli altri centri alimentati dal Bidighinzu e di tutelare le strutture sanitarie. Nel frattempo prendiamo l’impegno di portare avanti quegli interventi sulla condotta necessari per combattere le perdite idriche, quindi limitare lo spreco di risorsa, mai come in questo momento così preziosa”, ha spiegato l’Assessore dei lavori Pubblici, Aldo Salaris.

“In attesa che le condizioni meteo ci consentano di tirare un sospiro di sollievo anche sulla disponibilità di acqua nel Nord Sardegna – ha proseguito l’esponente della Giunta Solinas – abbiamo ottenuto un finanziamento di 15 milioni di euro (PNRR) per rifare integralmente la condotta che partendo dal Bidighinzu collega la diga al sistema irriguo e recupera la risorsa idrica invasata dalla traversa del rio Minore, con l’obiettivo di sprecare meno risorsa possibile. Nell’immediato – ha concluso l’Assessore – l’Assessorato si è impegnato anche con un finanziamento diretto di 2 milioni e 200mila, sempre al Consorzio di bonifica della Nurra, per la realizzazione di un intervento strutturale sul tratto di condotta maggiormente deteriorato”. Il progetto finanziato con le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza in particolare consentirà di utilizzare le risorse idriche del lago Bidighinzu, della traversa del rio Minore e quelle dei reflui depurati provenienti dall’impianto di depurazione.

L’Assessore Salaris, raccogliendo la preoccupazione di tutti i soggetti interessati, ha quindi spronato Enas affinché si percorra ogni strada utile a risparmiare acqua. L’Assessore dell’agricoltura Murgia, pur non essendo in grado di assicurare sussidi o ristori in assenza di una coltura in atto, ha garantito la massima disponibilità a seguire l’evolversi degli eventi collaborando attivamente con tutti i soggetti coinvolti affinché gli agricoltori risentano il meno possibile della difficile situazione.