ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
lunedì 27 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

BAR E MENSA AZIENDALE DEL CIRCOLO TRANVIERI: “GIUSEPPE DOZZA TPER APS”

Dal 9 gennaio 2021, la ditta “CE.DA” che aveva in gestione il bar e la mensa aziendale del “Circolo Giuseppe Dozza” di via San Felice è stata sostituita con un’altra ditta, “Stanzani Gianluca” che non ha alcuna intenzione di proseguire il rapporto di lavoro con il personale presente in struttura da più di un decennio.

Il contratto collettivo di riferimento: Ristorazione Collettiva e Pubblici Esercizi, prevede la clausola sociale nei cambi di gestione per il mantenimento della continuità occupazionale e reddituale dei lavoratori. Negli anni precedenti invece si era sempre rispettata e verbalizzata la procedura del Cambio Gestione.

Le Organizzazioni Sindacali Filcams-CGIL e Fisascat-CISL esprimono perplessità per il completo disinteresse espresso durante gli incontri dal committente che è il Circolo Giuseppe Dozza per le sorti della lavoratrice e del lavoratore impiegati presso la mensa e il bar della loro sede; nonostante il Circolo, creato nel 1935 abbia sempre favorito e promosso un grande impegno sociale e culturale indispensabile allo sviluppo del tessuto sociale bolognese.

Filcams-CGIL e Fisascat-CISL chiedono pertanto al Circolo Dozza di mantenere fede a quanto dichiarato e sempre mantenuto negli ultimi 85 anni e chiedono alla ditta “Stanzani Gianluca” l’immediata assunzione dei due lavoratori, come previsto dalla normativa.

Inoltre chiedono la solidarietà di tutti gli utenti del Circolo che sono gli autisti e gli ex autisti della TPER; ATC e i loro familiari; così come chiedono unitariamente solidarietà alle categorie sindacali che rappresentano gli autisti e che non possono e non devono rimanere inerti ed indifferenti rispetto alla possibile perdita del lavoro da parte di chi, da anni, con cortesia e professionalità gli ha servito pasto o caffè.

Le Organizzazioni Sindacali chiedono infine anche l’intervento di TPR, della Città Metropolitana e del Comune di Bologna che l’8 novembre 2019 hanno firmato “il Protocollo di intesa in materia di appalti di lavori, forniture e servizi,” perché le norme vengano applicate e nessuno possa essere lasciato indietro.

Per Filcams-Cgil Per Fisascat-Cisl

Daniela Dessì Silvia Pergola