ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Azione Cattolica, l’urgenza di cercare un nuovo modello di sviluppo

 

Appello dell’Azione Cattolica per “un’autentica conversione“. Che “ci chiede di cercare, tutti insieme, un nuovo modello di sviluppo. Più inclusivo e sostenibile”. L’intervento introduttivo del presidente nazionale dell’Azione Cattolica ha aperto a Roma i lavori del Convegno dei presidenti e assistenti unitari diocesani. Giuseppe Notarstefano ha convocato alla Domus Mariae il primo appuntamento associativo in presenza dopo i mesi della pandemia.

Tre giorni per definire gli impegni dell’Azione Cattolica nel triennio 2021-2024. Dopo l’ assemblea nazionale di fine aprile. E la nomina della nuova presidenza nazionale. “Passiamo all’altra riva” è il titolo del convegno. Accompagnato dai verbi contemplare. Sperare. Prendersi cura. Con l’intenzione dell’Azione Cattolica di rimboccarsi le maniche. E ripartire insieme al Paese. Fortemente incoraggiata a vivere la propria corresponsabilità associativa. Al servizio della Chiesa. E pienamente coinvolta nel cammino sinodale. Che vede l’associazione protagonista nelle diocesi d’Italia.

L’Azione Cattolica è “consapevole del tempo che abbiamo di fronte“. Una fase di “trasformazione della vita sociale ed ecclesiale”. In cui serve “la postura agile e perseverante del pellegrino“. Immagine da sempre “cara alla vita spirituale del cristiano”. Il carico deve essere necessariamente essenziale e leggero. Con il “giusto desiderio di raggiungere la meta“. Senza che ciò prevalga sul “gusto del camminare e di farlo insieme a tanti altri”. Cercando di stare “al passo con gli ultimi”. La transizione in atto ha una “forte matrice ecologica“. E, secondo Giuseppe Notarstefano, richiede una profonda rielaborazione culturale e sociale. Degli stili di vita e delle prassi quotidiane. Così come anche delle forme organizzative. E dei meccanismi istituzionali.