Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ambiente > Ambiente, il Fvg apre un dialogo con i giovani del Fridays For Future

Ambiente, il Fvg apre un dialogo con i giovani del Fridays For Future

Incontri regolari bimestrali con le istituzioni e dialogo, l’apertura della Regione: “Non c’è una visione miope bensì di rispetto verso le imprese, purché ovviamente si tenga presente la protezione dell’ambiente”.

“Il confronto con giovani ragazze e ragazzi su temi come la difesa dell’ambiente, mobilità e sviluppo sostenibile diventerà un appuntamento fisso della mia agenda e per questo 2020 vorrei intanto programmare cinque appuntamenti co-organizzati con i rappresentanti del Fridays For Future”. Lo annuncia l’assessore regionale del Fvg alla Difesa dell’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Fabio Scoccimarro, a margine dell’incontro nella sede della Regione a Pordenone con i rappresentanti di Trieste, Udine e Pordenone del movimento giovanile che ha riempito le piazze di tutto il mondo.

“Il mio mandato – spiega l’assessore – sarà caratterizzato dai contributi di tutti, che voglio mettere in campo per accompagnare la rivoluzione culturale in corso sui temi ambientali. Vorrei inoltre cogliere la disponibilità di questi ragazzi non solo per il confronto ma anche per veicolare iniziative messe in atto dalla Regione in campo ambientale. Ho infatti potuto apprezzare – prosegue Scoccimarro – come non vi sia una visione miope bensì di rispetto verso le imprese, purché ovviamente si tenga presente la protezione dell’ambiente. L’esempio perfetto è la riconversione dell’area a caldo della Ferriera di Trieste che vedrà non solo abbattersi le emissioni, ma anche bonificare un’area del sito di interesse nazionale che desta molta preoccupazione nel movimento FFF”.

Altri temi affrontati nell’incontro sono stati quelli della mobilità sostenibile e la produzione di energia. “Temi che saranno al centro di alcuni tavoli tecnico-politici che il mio staff concorderà assieme ai giovani del Fridays For Future con dei tavoli bimestrali che potrebbero diventare propedeutici al primo dei due momenti istituzionali degli Stati generali dell’Ambiente dell’area Alpe Adria che sto programmando per il prossimo autunno 2020 e primavera 2021”