Sei in: Home > Edizioni Locali > Ambiente: Bottacin traccia il bilancio annuale

Ambiente: Bottacin traccia il bilancio annuale

image_pdfimage_print

L’assessore regionale Gianpaolo Bottacin parla della situazione ambientale in Veneto e dei traguardi raggiunti nel 2019.

Un miliardo di euro nel triennio in misure per favorire la qualità dell’aria e combattere lo smog, la battaglia per combattere la libera circolazione dei rifiuti speciali, centinaia i cantieri avviati in tutto il Veneto per la difesa del suolo e cospicui gli investimenti sui bacini di laminazione per la sicurezza idrogeologica, 3 milioni di euro i contributi assegnati ad associazioni di volontariato di Protezione Civile e Antincendio boschivo.

“Questi sono soltanto alcuni dei principali risultati che abbiamo raggiunto nel 2019” spiega l’assessore regionale Gianpaolo Bottacin, che traccia un bilancio di un anno di attività per quanto riguarda le competenze in capo al suo assessorato.

“L’anno che si chiude è stato particolarmente ricco di provvedimenti prima di tutto sottolineo abbiamo confermato il grande impegno nella lotta allo smog. Con i provvedimenti del 2019 la giunta regionale ha raggiunto quota un miliardo di euro di interventi di varia natura per favorire il miglioramento della qualità dell’aria. Ricordo solo, tra gli altri, lo stanziamento di 2.150.000 euro di incentivi per la rottamazione di autoveicoli inquinanti”.

Costante l’impegno nel campo dei rifiuti, dove il Veneto continua ad essere leader nazionale per la raccolta differenziata (raggiunta quota 73,8% nel 2018). Ma la battaglia continua per quanto concerne i rifiuti speciali, ambito per il quale il Veneto chiede con forza la modifica della normativa nazionale. “La legge che consente la libera circolazione dei rifiuti speciali va cambiata – ribadisce l’assessore Bottacin – è una norma che rischia di vanificare ogni nostro sforzo e le virtuosità indiscusse che il Veneto vanta nel campo della gestione e dello smaltimento dei rifiuti. Noi continueremo a chiedere che il ministro Costa cambi la legge e proseguiremo le nostre attività di controllo in stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine”.

Grandi sforzi sono stati profusi anche nel campo della bonifica e del ripristino ambientale dei siti inquinati. “Stiamo parlando di circa 3 milioni di euro destinati ai Comuni per bonifiche varie – precisa l’assessore veneto all’ambiente – sottolineo inoltre l’accordo di programma per la messa in sicurezza della discarica di Ca’ Filissine a Pescantina (VR), operazione da 66 milioni di euro che sarà realizzata da Veneto Acque sotto monitoraggio di ARPAV”.

Notevole impatto ha avuto tutta l’attività legata alla difesa del suolo. “Abbiamo avviato 293 cantieri per oltre 157 milioni di euro solo per quanto concerne il ripristino e la mitigazione del rischio post Vaia altri 132 interventi per 15 milioni di euro riguardano opere idraulico forestali e 50 interventi per 20 milioni di euro garantiscono opere idrauliche di riduzione del rischio. Fondamentale aver continuato le opere strategiche di difesa idraulica. Tra tutte segnalo la progettazione delle casse di laminazione del Bacino dei Pra’ dei Gai (2,4 milioni di mc per 39 milioni di euro), del Bacino di Montebello (8,8 milioni di mc per 51 milioni di euro) e del bacino dell’Astico (4,6 milioni di mc per 36 milioni di euro).

Solo per dare un’idea ricordo che sono 10 gli stati di crisi che ci siamo trovati a gestire nel 2019 la gestione del post Vaia è una grande responsabilità per quanto ingente sia la mole di lavoro.  I nuovi siti valanghivi emersi dopo il maltempo 2010 sono 90 e richiedono attenzione costante e presidio per garantire l’incolumità della popolazione. Anche questo fa parte delle tante attività di Protezione Civile”.