Sei in: Home > Edizioni Locali > Cagliari > Allevatore ucciso nel Nuorese, probabile delitto d’impeto

Allevatore ucciso nel Nuorese, probabile delitto d’impeto

 

E’ stato ucciso con diverse coltellate Mauro Antonio Carai, l’allevatore di 74 anni di Orune trovato cadavere da uno dei figli, dopo la mezzanotte, in una strada sterrata a pochi metri dalla statale 389 e vicino all’ovile della vittima. Con il passare delle ore, le indagini dei carabinieri sembrano escludere un delitto maturato per vendetta: nessun agguato dietro a muretti a secco nè impiego di armi da fuoco.

E non ci sarebbero nemmeno collegamenti con la faida che da 50 anni a questa parte ha tenuto in scacco il paese.

L’ipotesi più accredita è quella di un omicidio d’impeto: una violenta discussione degenerata e finita nel sangue. La salma nel frattempo è stata trasferita all’ospedale San Francesco di Nuoro dove, su disposizione del pm che coordina l’inchiesta, Riccardo Belfiori, verrà eseguita l’autopsia. Sarà l’esame autoptico ad accertate con precisione l’ora del decesso e la causa esatta della morte. Gli investigatori dell’Arma stanno cercando di capire se l’anziano allevatore sia stato accoltellato nel punto in cui è stato ritrovato il corpo o all’interno del suo ovile, che dista poco lontano. Di sicuro la vittima ha tentato di raggiungere la statale per chiedere aiuto.

Sposato, padre di sette figli e nonno di diversi nipoti, Mauro Antonio Carai viene descritto a Orune come un uomo riservato, a suo carico inoltre non risultano pendenze giudiziarie. Avrebbe avuto piccoli screzi con altri compaesani negli anni ’80, ma non degni di nota negli archivi delle forze dell’ordine.

“Per il paese è stato un fulmine a ciel sereno – dice  il sindaco Pietro Deiana – Mauro Antonio Carai era un uomo tranquillo, non si vedeva mai in giro, tutto casa e lavoro, io stesso da tanto tempo non lo vedevo. La notizia stamattina ci ha lasciati sgomenti, erano anni che a Orune non vedevamo un omicidio”.

L’ultimo fatto di sangue risale a sei anni fa, quando in una mattina di maggio venne ucciso a fucilate lo studente 19enne Gianluca Monni mentre aspettava il pullman per andare a scuola. Un delitto collegato alla scomparsa di Stefano Nule, 28 anni di Nule (Sassari), il cui corpo non è mai stato ritrovato. Per questo duplice omicidio sono già state emesse sentenze di condanna passate in giudicato.