ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
venerdì 1 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Alle 11 in piazza Signoria, celebrazioni organizzate dalla Società di San Giovanni Battista con il Comune di Firenze e il maestro orafo Paolo Penko. Presente la vicesindaca Bettini

Alle 11 in piazza Signoria, celebrazioni organizzate dalla Società di San Giovanni Battista con il Comune di Firenze e il maestro orafo Paolo Penko. Presente la vicesindaca Bettini

 

Nell’ambito delle celebrazioni per il Santo Patrono della città di Firenze, domenica 19 giugno la Società di San Giovanni Battista organizza, con il Comune di Firenze e il maestro orafo Paolo Penko, la storica Incoronazione del Marzocco.

 

Si tratta di una cerimonia che affonda le radici in una tradizione secolare, secondo la quale quattro giorni prima del 24 giugno, festa di San Giovanni, veniva posta una corona sulla testa del Marzocco, il leone simbolico protettore della città.

L’incoronazione del Marzocco, che la celebre statua di Donatello posta in Piazza della Signora ritrae nell’atto di sostenere e proteggere lo stemma del giglio di Firenze, indicava come soltanto a lui fosse consentito di portare la corona in una città libera.

 

Domenica 19 alle ore 11.00, la Deputazione della Società di San Giovanni Battista, alla presenza delle autorità del Comune di Firenze, ci sarà la vicesindaca Alessia Bettini, e del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina e del Calcio Storico Fiorentino, si troverà in piazza della Signoria per la cerimonia d’incoronazione, con un solenne antico cerimoniale del XVI secolo.

 

La Corona è un pregiatissimo manufatto di arte orafa ideata e realizzata dalla Bottega Orafa Paolo Penko. Si tratta di un gioiello unico, pensato appositamente per la celebrazione, che si caratterizza per preziosi trafori, cesellature e incisioni a bulino, arricchite con smalto rosso cremisi traslucido alternato a smalto bianco.

Perle, granati, cristalli di vari tagli e forme e lapislazzuli sono utilizzati per “gioiellare”, alla maniera antica, la corona destinata a decorare la testa del Marzocco.

 

La cerimonia è di breve durata ma spettacolare e di grande impatto, coinvolgendo alcuni dei simboli della città più cari ai fiorentini.

Questa cerimonia sarà seguita il 26 giugno da una seconda, sempre promossa dalla Società di San Giovanni Battista, due giorni dopo la festa del Santo Patrono, stavolta per la deposizione della corona.