Sei in: Home > Nazionale > Arte e Cultura > Cinema > “La bottega dei suicidi”, cartone vietato agli under 18

“La bottega dei suicidi”, cartone vietato agli under 18

Roma – “Trapassati o rimborsati”. Recita così il sottotitolo dell'ultimo film d'animazione del regista francese Patrice Leconte, vietato ai minori di 18 anni nel nostro Paese. “La bottega dei suicidi”, questo il nome della pellicola, è ispirata all’omonimo romanzo di Jean Teulé, ha ricevuto premi in tutto il mondo ma non è stata capita del tutto ovunque, per lo meno non in Italia. 
Questo divieto è assurdo – spiega il distributore italiano, Sandro Parenzo -, che senso ha farlo uscire vietato? Su questo film delizioso, di un autore affermato, abbiamo fatto un investimento notevole. A questo punto lo ritiro, lo faremo uscire in Svizzera e, quando sarà il momento, in home video“. 
Secondo la commissione di revisione cinematografica, “La bottega dei suicidi” è 'colpevole' di trattare “il tema del suicidio con estrema leggerezza e facilità di esecuzione, come se fosse un atto ordinario o un servizio da vendere al dettaglio, creando il pericolo concreto di atti emulativi da parte di un pubblico più giovane, quali gli adolescenti che attraversano un’età critica“. A maggior ragione se il suicidio è presentato sotto forma di cartone.

Potrebbe interessarti anche...

150 milligrammi, la battaglia di una donna

Avvincenti, accese e profondamente provocatorie, queste alcune delle parole per descrivere le sensazioni trasmesse dalla …