Mercoledì 29 marzo - Ultimo aggiornamento 14:36
NOTIZIE CURIOSE
data articolo06 settembre 2016

Tess Christine, non #ridere è il suo elisir di giovinezza

Tess Christine, non #ridere è il suo elisir di giovinezza
Tess Christine, non #ridere è il suo elisir di giovinezza

Indossa un sorriso e avrai amici; indossa un broncio e avrai le rughe”.(George Eliot).
 Curioso che questa frase, che appartiene proprio ad una donna, la scrittrice Mary Anne Evans, famosa con lo pseudonimo di Georde Eliot, dica esattamente il contrario di quanto sostenuto dalla 50enne londinese Tess Christian.
Se da sempre si dice che ridere e sorridere faccia bene al cuore e mantenga giovani, Tess non sembra pensarla nello stesso modo e pare aver trovato un elisir alternativo per mantenersi bella e giovane: non sorridere mai.
Sono ben 40 anni, circa 14.600 giorni trascorsi senza che sul suo volto si manifesti una qualsiasi forma di felicità, di gioia, pare che non abbia abbozzato un sorriso neppure davanti alla nascita di sua figlia.
Tess ha esercitato i muscoli facciali a non contrarsi in smorfie e aggrottamenti per un solo fine, non invecchiare.
Il risultato è senz’altro notevole visto che il volto della 50enne appare liscio e privo di rughe ma il prezzo da pagare è davvero alto. Controllare le proprie emozioni a tal punto da rimanere apparentemente impassibili di fronte a qualsiasi avvenimento puo’ sembrare eccessivo e impossibile ai più.
Eppure Tess Christian afferma di avere un’esistenza serena e che non ci sia bisogno di sorridere esternamente per amare la vita. Far sorridere solo il cuore quindi per tenere giovane il viso sembrerebbe il suo motto.
La donna, proprio in luogo della sua bizzarra filosofia di vita, si è aggiudicata il soprannome di Monna Lisa celebre per la sua enigmatica espressione.
Al di là della ovvie perplessità che la scelta della 50enne londinese può suscitare, è bene sottolineare che i medici sembrano confermare la sua teoria, parrebbe vero che non ridere contribuirebbe a non far sorgere le rughe.
 Ora resta da fare un’ultima riflessione: sorridiamo per noi o per gli altri? Se è vero che rinunciare a sorridere può servire a fermare il tempo è altrettanto vero che regalare un sorriso può cambiare la giornata di chi lo riceve.
Ad ognuno la propria scelta.

commenta

CERCA NEL QUOTIDIANO
  
Notariato
www.ogginotizie.it