Breaking News Streaming
Sei in: Home / Articoli / Arte e Cultura / ‘Voce Aimo e Nadia’, il nuovo ristorante delle Gallerie d’Italia è anche libreria

‘Voce Aimo e Nadia’, il nuovo ristorante delle Gallerie d’Italia è anche libreria

Aprirà nel museo di Intesa Sanpaolo il nuovo ristorante gourmet “Voce Aimo e Nadia”. Lo spazio progettato da aMDL sarà anche libreria e caffetteria.

Nelle Gallerie d’Italia, a piazza Scala a Milano, aprirà un nuovo punto di ristoro d’eccellenza. Nel museo di Intesa Sanpaolo, infatti, nascerà lo spazio “Voce Aimo e Nadia”, un ristorante gourmet che sarà allo stesso tempo anche caffetteria e libreria. Il nuovo ristorante è stato progettato dallo studio aMDL, sotto la guida di Michele De Lucchi, già architetto della Triennale di Milano, Palazzo delle Esposizioni di Roma, Neues Museum di Berlino e le stesse Gallerie d’Italia. La gestione del nuovo ristorante “Voce Aimo e Nadia” sarà affidata alla squadra del “Luogo di Aimo e Nadia”, storico ristorante stellato del capoluogo lombardo sito in in via Montecuccoli dal 1962. Alla Voce si potranno trovare, oltre al menù alla carta, anche un’offerta dedicata alla degustazione e un menù bambini. In più si potrà scegliere l’opzione del menù dedicato alle singole mostre allestite presso le Gallerie d’Italia, a partire dal Romanticismo, e del pranzo di lavoro con i piatti del giorno.

“L’offerta enogastronomica di Voce sarà un’estensione dell’eccellenza culturale e artistica presente nel Museo di Gallerie d’Italia. Un dialogo continuo tra noi e il Museo per offrire delle esperienze di valore, legate alla grande cucina italiana che emozioni e nasca dalla cura di ogni gesto”, ha spiegato Fabio Pisani, giovane chef del “Luogo di Aimo e Nadia” insieme al coetaneo Alessandro Negrini. “In questi anni le iniziative delle Gallerie d’Italia hanno incontrato il consenso e l’entusiasmo di tanti visitatori, anche grazie a una costante ricerca di originalità, di sperimentazione, di esplorazione di nuovi linguaggi. Con Voce si completa l’offerta in Piazza Scala, in sinergia perfetta con una realtà, Aimo e Nadia, che è tradizione ma allo stesso tempo innovazione”, ha detto Michele Coppola, direttore Centrale Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo.