ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 25 Settembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Villar Focchiardo raccontato dal sindaco Emilio Chiaberto per la rubrica “Venerdì dal Sindaco”

Questa settimana con l’intervista al primo cittadino di Villar Focchiardo, Emilio Chiaberto, prosegue la rubrica “Venerdì dal Sindaco” che, per iniziativa della Direzione comunicazione e rapporti con i cittadini e i territori della Città metropolitana di Torino, propone reportage televisivi e interviste agli amministratori dei piccoli Comuni sul canale “YouTube” dell’Ente.

Tutti i filmati realizzati per il “Venerdì dal Sindaco” sono disponibili su
www.cittametropolitana.torino.it/speciali/2021/venerdi_dal_sindaco

La fotogallery aggiornata è disponibile al link https://photos.app.goo.gl/vBYgDf28QZfLko2L9

I filmati vanno anche in onda sull’emittente interregionale Telecupole, il venerdì alle 20, il sabato alle 19,20 e la domenica alle 18,45.

Nel numero del 22 luglio (pagine 6 e 7) dell’agenzia settimanale della Città metropolitana “Cronache da Palazzo Cisterna” è pubblicato il reportage completo dedicato a Villar Focchiardo www.cittametropolitana.torino.it/ufstampa/cronache

Nella Valle di Susa tra sentieri, storia e tradizioni
Posto sulla destra orografica della Dora Riparia nella Valle di Susa, il territorio di Villar Focchiardo, Comune di circa duemila abitanti, risale il boscoso versante destro della valle fino allo spartiacque con la Val Sangone ritrovandosi, da un certo punto, all’interno del Parco naturale Orsiera-Rocciavrè.
All’interno del Parco, superati i mille metri di quota e completamente incastonata nel verde si trova la Certosa di Monte Benedetto, unico esempio rimasto in Europa di certosa primitiva (cioè originaria), che insieme alla Certosa di Banda posta più in basso, rappresenta un tassello importane della storia dei certosini che attraversa Villar Focchiardo e la Valle di Susa.
Ma non si può raccontare Villar Focchiardo senza parlare di un prodotto di eccellenza come il marrone celebrato ogni anno a ottobre nella “Sagra valsusina del Marrone”. I castagneti, non a caso particolarmente curati, contribuiscono alla bellezza di questo territorio attraversato da numerosi itinerari escursionistici.

Alla scoperta di Villar Focchiardo con il sindaco Emilio Chiaberto
Abbiamo incontrato il sindaco Emilio Chiaberto in un luogo di certo caro a molti villarfocchiardesi e non solo: la Certosa di Monte Benedetto. Il complesso della Certosa, ci dice il sindaco, è un’importante testimonianza storica e racchiude più di quattrocento anni di storia dei monaci certosini che, intorno al 1200 giunsero in Valle di Susa, prima alla Madonna della Losa (Gravere) e poi a Monte Benedetto, dove rimasero fino alla fine del XV secolo, per spostarsi più a valle nella grangia di Banda.
Oggi il complesso di Monte Benedetto, di proprietà della Regione Piemonte e affidato in gestione all’ente Parco, è un luogo di valenza storico-culturale, naturalistica e turistica che si anima soprattutto nei mesi estivi grazie alle iniziative culturali e alla presenza di un’azienda agricola, recentemente premiata da Coldiretti con l’Oscar Green 2022 per la sezione “Campagna Amica” che si prende cura del luogo e che produce e vende in loco latte, formaggi locali e gelati.
Oltre alla presenza dei Certosini, ricorda Chiaberto, la storia di Villar Focchiardo passa anche dalla presenza dei Conti Carroccio: in particolare, è grazie a un lascito dell’abate Ignazio Carroccio che è stata realizzata la chiesa e tutta la parte più antica del comune.
Il territorio di Villar Focchiardo è attraversato da diversi percorsi escursionistici, molti dei quali si sviluppano proprio all’interno del Parco: “Sì, passano di qui gli itinerari della Gran Traversata delle Alpi,il Giro dell’Orsiera, il Giro dei tre rifugi, il Sentiero del castagno e della pietra o ancora il Sentiero dei Franchi. Ma Villar Focchiardo è toccato anche dalla via Francigena ed è proprio sulla via Francigena che l’unione Montana Valle Susa ha progettato la ciclostrada che in parte coincide con la via Francigena escursionistica e che è in corso di realizzazione”.
Delle antiche tradizioni di Villar Focchiardo è senz’altro da citare, ci ricorda il sindaco, l’antica e popolare processione annuale che il Venerdì Santo rievoca la Passione di Cristo: una tradizione che risale la 1700 e fa rivivere gli ultimi momenti della vita di Gesù grazie all’impegno di numerosi figuranti in costume.
Ma non possiamo parlare di tradizioni senza nominare un prodotto di eccellenza che fa parte del Paniere dei prodotti tipici della Città metropolitana: “A Villar Focchiardo c’è una tradizione centenaria di coltivazione del marrone che ha ottenuto anche l’indicazione geografica protetta come Marrone della Valle di Susa e ogni terza settimana di ottobre viene celebrato nella Sagra valsusina del Marrone dove si possono trovare interi menù a tema e i prodotti tipici locali”. Villar Focchiardo è un luogo che ha moltissimo da offrire, ma cosa significa amministrarlo? Quanta passione è necessaria per fare il sindaco?
“Se la passione è senz’altro un elemento importante, da sola non è sufficiente. Soprattutto in un Comune piccolo e con risorse limitate è importante avere un po’ di competenza e anche l’umiltà di ammettere che all’inizio la competenza non puoi averla perché sindaci non si nasce. È necessario quindi avere anche l’umiltà di imparare per poter conoscere la struttura. E poi è importante l’ascolto: bisogna ascoltare i cittadini e comprenderne le esigenze. Può capitare di andar dietro a grandi progetti, a ciò che viene proposto anche a livello superiore del Comune, ma può capitare che questo non collimi con le esigenze dei cittadini. Saper coniugare tutto questo è difficile, ma credo sia la cosa da perseguire. Auguro veramente a chi abbia voglia di intraprendere questo servizio, perché poi alla fine è un servizio che si fa ai cittadini e non a se stessi, di mettere insieme queste tre cose: la passione, la competenza e l’umiltà”.

Emilio Chiiaberto