Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Venezia: multa ad un bambino che giocava in monopattino in Piazza San Marco, è polemica

Venezia: multa ad un bambino che giocava in monopattino in Piazza San Marco, è polemica

Polizia Municipale senza pietà: verbale per il papà del bambino di 66 euro e 80 centesimi.

E’ successo esattamente questo a un bimbo di 4 anni che stava giocando in Piazza San Marco a Venezia, una multa di 66 euro e 80 centesimi. Il verbale è stato elevato dai vigili urbani di Venezia che hanno semplicemente eseguito le direttive del sindaco Brugnaro, con l’intento di limitare i turisti cafoni. Hanno sorpreso il bimbo di appena 5 anni a “sfrecciare” a bordo di un monopattino, di fianco alla Basilica di San Marco. La sanzione è scattata per il papà, colpevole di aver consentito al figlio di correre su questo “acceleratore di velocità”, in centro storico. L’uomo, dopo essere andato dai vigili a protestare ha minacciato di rivolgersi anche ad un legale. La foto della multa finita su Facebook, ha scatenato una gran “bufera” che ha visto come colpevoli i vigli urbani accusati di essere stati fin troppo intransigenti.

Il regolamento cittadino vieta “in ogni caso” monopattini, pattini a rotelle e giochi collettivi che prevedano il lancio di attrezzi e oggetti non solo in Piazza San Marco ma in tutte le zone “storiche” della città. Sulla vicenda è intervenuta la consigliera del Pd Monica Sambo che, sempre su Facebook ha commentato: “Se non si riescono ad applicare le regole con buonsenso allora le regole vanno cambiate. Su questo come Partito Democratico abbiamo già fatto alcune proposte con il nuovo regolamento di polizia urbana”. La colpa di un tale “errore” naturalmente non deve ricadere sul singolo agente, ma su un sistema generale quale quello delle sanzioni al Codice della Strada che sono diventate un balzello utile per i comuni a recuperare ingenti somme per ripianare i propri deficit, obbligando per non dire costringendo i relativi comandi di polizia locale e quindi i singoli agenti a diventare degli esattori poiché improntati ad un eccessiva fiscalità che va oltre i normali criteri del necessario rigore cui comunque un corpo di polizia si deve uniformare. Nonostante ciò, si discute riguardo ad una deroga per i minori di 10 anni nel nuovo regolamento della polizia urbana; ma, nel frattempo, la vecchia norma resterà in vigore fino a quando non vi saranno ulteriori aggiornamenti.