ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 3 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

“Uomini come Ninni Cassarà hanno avuto intuizioni straordinarie che sono state alla base del lavoro di Falcone e Borsellino”

Il questore di Palermo Renato Cortese ha commemorato Ninni Cassarà, vice dirigente della Mobile del capoluogo siciliano, ucciso il 6 agosto ’85.

“Bisogna essere consapevoli di quello che è successo in quegli anni ed è giusto alimentare il ricordo dei funzionari uccisi da Cosa nostra. Uomini come Ninni Cassarà hanno avuto intuizioni straordinarie che sono state alla base del lavoro di Falcone e Borsellino. Oggi per noi è facile investigare perché il contesto sociale è mutato ed è cresciuta la voglia di legalità. In quegli anni erano pochissimi gli uomini che da soli combattevano in un contesto in cui tutto era mafia e tutto era contro di loro”. L’ha detto il questore di Palermo Renato Cortese commemorando Ninni Cassarà, vice dirigente della Mobile del capoluogo siciliano, ucciso il 6 agosto ’85.

La cerimonia si è svolta nell’atrio della caserma Boris Giuliano, alla presenza della vedova Cassarà, Laura, e di autorità militari e civili. Ricordati anche l’agente Roberto Antiochia, il commissario capo Beppe Montana, ucciso il 28 luglio 1985, l’agente scelto Antonino Agostino e la moglie Ida Castelluccio, uccisi il 5 agosto 1989.