Breaking News Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Perugia > Umbria, il 2019 sarà l’anno della “ricostruzione pesante”

Umbria, il 2019 sarà l’anno della “ricostruzione pesante”

Il presidente della regione Umbria Catiuscia Marini ha annunciato che il prossimo anno sarà l’anno di punta per le domande della ricostruzione pesante.

Il 2019 sarà l’anno in cui l’Umbria cercherà di lasciarsi ufficialmente alle spalle i danni materiali causati dal sisma del 2016. Sembrano suggerire questo le parole della Presidente della Regione Catiuscia Marini, vicecommissario per la ricostruzione. Marini, presiedendo il Comitato istituzionale dell’Umbria, ha infatti detto che “il 2019 sarà un anno di punta per la presentazione delle domande per la ricostruzione pesante, da quanto ci aspettiamo in base ai dati del censimento dei danni e anche dalle esperienze passate, così come per l’appalto e l’avvio dei lavori per una parte consistente di opere pubbliche e chiese”.

Gli sforzi del prossimo anno si concentreranno sull’aggiornamento dell’avanzamento della ricostruzione successiva al terremoto del 2016. Si vuole finalmente porre rimedio ai danni lievi e a quelli pesanti. Inoltre, si investirà sull’attuazione delle opere pubbliche e delle chiese, come sottolineato dalla stessa Marini. All’incontro del Comitato, tenutosi a Palazzo Donini di Perugia, hanno partecipato sindaci e assessori dei Comuni dell’area del “cratere”, più i rappresentanti della Provincia di Perugia, dell’arcidiocesi di Spoleto-Norcia, dell’Ufficio speciale per la ricostruzione, e Francesco Pastorella, coordinatore dei Comitati Terremoto del Centro Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *