Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Uccisa a Crema: Pasini assolto da accusa omicidio

Uccisa a Crema: Pasini assolto da accusa omicidio

 

E’ stato condannato a sei anni di reclusione per occultamento e distruzione di cadavere e per l’incendio dell’auto, ma assolto dall’accusa di omicidio volontario: per i giudici del tribunale di Cremona, Alessandro Pasini si è liberato del corpo di Sabrina Beccalli ma non ha ucciso ucciso la donna, trovata morta nella sua Fiat Panda bruciata la notte di ferragosto del 2020 nei campi attorno a Crema (Cremona).

La sentenza è arrivata questa mattina: il pubblico ministero, Lisa Saccaro, che ha scritto la sua requisitoria in 12 pagine, aveva chiesto al giudice per l’udienza preliminare Elisa Mombelli una condanna a 28 anni, frutto di un calcolo che teneva conto di 30 anni per omicidio volontario, 12 per occultamento e distruzione di cadavere, incendio e crollo di edificio per un totale di 42 anni scontati del terzo previsto dal rito abbreviato.

Secondo il magistrato, sulla base degli elementi acquisiti in fase di indagine, era stato il 46enne ad aver ammazzato la notte della vigilia di Ferragosto del 2020 l’amica 39enne, mamma di un ragazzino di 16 anni, in un appartamento di via Porto Franco a Crema. Il movente: un’avance sessuale rifiutata dopo aver consumato, insieme, cocaina.
Pasini caricò poi il cadavere di Sabrina sulla Fiat Panda di lei e diede fuoco alla macchina nei campi intorno a Vergonzana.
Per il giudice, invece, non è stata raggiunta la prova certa del delitto. Manca, in sostanza, la ragionevole certezza.
“Maledetta legge italiana! L’ha uccisa e l’ha bruciata, e prende solo sei anni!”: non hanno nascosto rabbia e dolore i familiari di Simona Beccalli presenti in aula. L’avvocato di parte civile, Antonino Andronico, si è invece detto “esterrefatto per la sentenza”.