Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Tragedia dell’immigrazione : 39 corpi trovati in un camion .

Tragedia dell’immigrazione : 39 corpi trovati in un camion .

 

 

La terribile scoperta è avvenuta in una zona industriale dell’Essex, in Gran Bretagna. La polizia inglese ha trovato un camion con 39 cadaveri proveniente dalla Bulgaria, il quale sembra fosse arrivato sull’isola sabato scorso: “Trentanove corpi senza vita stipati in un container in una zona industriale nell’Essex, nel sudest dell’Inghilterra. Tra le vittime anche un adolescente – riferisce il Sole 24 Ore -. L’autista, un 25enne nordirlandese, è stato arrestato con il sospetto di omicidio. Si tratta dell’ennesima tragedia dell’immigrazione. Il camion era entrato nel Regno Unito sabato attraverso il porto di Holyhead, dopo un passaggio in Irlanda”. Il ritrovamento è avvenuto però solo nelle ultime ore, durante un controllo eseguito dalla Essex Police in un’area industriale di Grays, a est di Londra. “L’autista è stato sottoposto a interrogatorio, secondo quanto riferisce Andrew Mariner, chief superintendent della polizia – aggiunge il quotidiano della Confindustria -. Il sospetto di omicidio nei suoi confronti ha a che fare per ora genericamente col coinvolgimento nel trasporto di persone morte verosimilmente durante il viaggio. Per Mariner “si tratta di un tragico incidente in cui un grande numero di persone ha perso la vita, stiamo indagando per stabilire cosa esattamente sia successo. Sono in corso accertamenti per identificare le vittime e “la procedura si prospetta lunga”.

Al momento non sono emersi elementi sull’origine delle persone morte, ma solo sul luogo di partenza del container degli orrori, che gli investigatori ritengono sia in Bulgaria. Priti Patel, ministra dell’Interno del governo di Boris Johnson, si è detta “sgomenta e rattristata” per “l’incidente assolutamente tragico di Grays. La polizia ha arrestato un individuo – ha twittato -. Ora dobbiamo darle lo spazio necessario per condurre le sue investigazioni”.Per trovare un precedente analogo, per gravità, nel Regno Unito bisogna risalire al giugno del 2000. Allora, il ritrovamento avvenne all’interno di un camion sbarcato a Dover, sulla Manica, all’interno del quale la polizia britannica scoprì i cadaveri di ben 58 persone, poi identificate come migranti illegali cinesi. Anche nell’occasione, ricorda il Sole 24 Ore, fu arrestato nell’immediatezza dei fatti l’autista, di nazionalità olandese.

Per inquadrare la tragedia è necessario fare riferimento alle ultime statistiche sulle varie rotte migratorie e sul perché continuano a cambiare. Negli ultimi quattro anni il numero di arrivi irregolari in Europa  per via terrestre e marittima è diminuito del 95 per cento rispetto all’estate del 2015. Coloro che stanno continuando a fare il viaggio stanno provando nuovi e diversi percorsi. Il quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung ha raccolto i dati del fenomeno. Dal 2015, la rotta del Mediterraneo centrale dal Nord Africa è stata la rotta migratoria principale per l’Europa. La maggior parte dei migranti parte dalla Libia, con l’obiettivo di raggiungere l’Italia o Malta. Secondo l’agenzia europea di frontiera Frontex, anche il numero di persone in partenza dalla Tunisia è aumentato. La maggior parte dei migranti proviene dall’Africa subsahariana e dal Nord Africa. Nel 2018, un terzo dei migranti proveniva dalla Tunisia o dall’Eritrea. “Nel febbraio 2017, i leader dell’Ue hanno deciso di rafforzare la cooperazione con il governo libico e la guardia costiera, nel tentativo di impedire alle persone di lasciare la Libia – sottolinea Vita. Una scelta che, al di là delle polemiche relative alle condizioni in cui versano i migranti nei campi libici, ha funzionato e verso la metà di quell’anno il numero di migranti sulla rotta del Mediterraneo centrale era già diminuito. Nella prima metà del 2018, poi, su questa rotta sono stati registrati meno di 16.000 migranti irregolari, un quinto del numero registrato nello stesso periodo dell’anno precedente”. La rotta del Mediterraneo orientale tra Turchia e Grecia ha registrato circa 885.000 persone in movimento verso l’Ue nel 2015 (17 volte di più rispetto al 2014). La maggior parte dei migranti erano rifugiati dal conflitto siriano, seguiti da afgani e somali. Molti hanno continuato i loro viaggi attraverso la Macedonia e la rotta dei Balcani occidentali. Nel 2017 e nel 2018, la maggior parte dei migranti sulla rotta del Mediterraneo orientale provenivano dalla Siria e dall’Iraq.

“Nel marzo 2016, la Turchia ha convenuto che avrebbe trattenuto e rimpatriato i migranti che cercavano di entrare in Europa in cambio di miliardi di euro dall’Ue. Il risultato è stato un netto calo del numero di arrivi irregolari in Europa. Nel 2017, 41.720 persone sono arrivate nell’Ue attraverso la rotta del Mediterraneo orientale, con un calo del 77% rispetto all’anno precedente – evidenzia Vita -. La rotta del Mediterraneo occidentale si estende dal Marocco alla Spagna. Nel punto in cui l’Africa è più vicina all’Europa, lo stretto è largo solo 14 chilometri. Il numero di migranti attraverso questa rotta è aumentato bruscamente nel 2018. Oltre 52.000 persone hanno percorso questa tratta tra gennaio e novembre 2018, più del doppio rispetto al 2017”. La rotta dei Balcani occidentali si estende attraverso la Macedonia e la Serbia verso la Croazia, la Slovenia e l’Ungheria. I migranti che percorrono questa strada spesso continuano verso l’Austria e la Germania. Un gran numero di persone provenienti dal Medio Oriente ha preso questa strada dopo aver attraversato la rotta del Mediterraneo orientale dalla Turchia alla Grecia. Secondo Frontex, il numero di attraversamenti irregolari della frontiera su questa rotta è sceso a 2.100 persone nella prima metà del 2018. Nel 2015 sono stati registrati circa 764.000 migranti attraverso questa rotta. Nel 2017 il numero era sceso a circa 12.000, una diminuzione attribuita alla chiusura della rotta balcanica e all’accordo Ue-Turchia. Dopo che Ungheria, Slovenia, Croazia, Serbia e Macedonia hanno chiuso i loro confini, i migranti hanno iniziato a optare per una rotta parallela dall’Albania attraverso il Montenegro o la Serbia alla Bosnia Erzegovina. Un piccolo numero ha scelto la rotta via Bulgaria e Romania.“La rotta orientale si riferisce al confine terrestre di 6.000 km tra Bielorussia, Moldavia, Ucraina e Russia e agli stati membri orientali dell’Ue. Il numero di attraversamenti irregolari attraverso questa rotta è relativamente piccolo”, sottolinea Vita. In tutto il mondo, oltre 68 milioni di persone sono state costrette a lasciare le loro case, secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Unhcr. Di questi, 40 milioni sono sfollati interni che sono rimasti all’interno del proprio paese. Alla fine del 2017, i principali paesi di origine dei rifugiati erano la Siria con 6,3 milioni e l’Afghanistan con 2,6 milioni di rifugiati, seguiti da Sud Sudan, Myanmar e Somalia, esclusi gli sfollati interni.

La principale causa di migrazione forzata rimane la guerra e la violenza. Oltre la metà di tutti i rifugiati in tutto il mondo provengono da regioni di conflitto: Siria, Afghanistan e Sud Sudan. C’è anche un conflitto armato in Myanmar e Somalia. In Germania, oltre il 70 per cento dei richiedenti asilo registrati sono fuggiti da crisi belliche o violente, secondo l’Ufficio federale tedesco per la migrazione e i rifugiati. Un altro motivo per il volo sono le violazioni dei diritti umani. In almeno dieci paesi nel mondo, l’omosessualità e la transessualità sono punibili con la pena di morte. In molti altri paesi la pena è la reclusione a lungo termine. Inoltre, le conseguenze dei cambiamenti climatici – come la mancanza di cibo e acqua – costringono le persone a lasciare le loro case.
La maggior parte dei rifugiati non viene accolta dall’Europa. I paesi in via di sviluppo ospitano l’85% dei rifugiati nel mondo. La Turchia è il principale paese ospitante, con un totale di 3,5 milioni di migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Pakistan e Uganda hanno preso ciascuno 1,4 milioni di persone. La Germania è al sesto posto con 930.400.