Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Eventi > Torna il Pride Fvg “contro pregiudizi e stereotipi”

Torna il Pride Fvg “contro pregiudizi e stereotipi”

L’8 giugno 2019 Trieste ospiterà la seconda edizione del Pride Fvg. Una manifestazione che celebra la diversità e i suoi colori.

Il raduno è fissato alle 14:30 a Piazza della Libertà. Da lì alle 15:30 si parte in un lungo corteo di colori. Alle 18 si arriva in Piazza Unità d’Italia, dove sono previsti i discorsi finali. La sera, poi, l’Fvg Pride Live a Muggia, un music festival gratuito che celebra la fine del corteo. Ma non finisce qui: per chi avesse ancora energie, la serata continua fino all’alba al Mandracchio Club, nel cuore di Trieste, per l’unico party ufficiale che sostiene FVG Pride. Questo è programma della seconda edizione del Pride Fvg, che colorerà Trieste sabato 8 giugno.

Sarà una giornata all’insegna della lotta “contro i pregiudizi e gli stereotipi”, “in difesa dei diritti umani di tutti”, “aperta a tutti” e “al dialogo”, “contro ogni strumentalizzazione”, come spiegato dalla presidente dell’Arcigay Trieste, Antonella Nicosia. Pride Fvg 2019 sarà una celebrazione della storia delle drag queen della regione, con installazioni di artisti queer italiani e non solo, sulle note di musica indie-rock e dei brani simbolo della cultura queer pop. La cosa importante di questa giornata, come ha specificato Antonella Nicosia, “è esserci. Non servono gesti eclatanti”. Un endorsment importante a questa giornata è arrivato dal sindaco di Lubiana, capitale della Slovenia, che ha scritto una lettera alla presidente di Arcigay Trieste: “Valori quali tolleranza e rispetto delle diversità devono sempre e dovunque essere implementati e dobbiamo anche renderci conto, che le differenze ci arricchiscono e non dividono, siano esse differenze culturali, linguistiche, etniche, di orientamento sessuale, identità di genere o religiose”, scrive il primo cittadino sloveno. “Il pride può così aiutare a rendere più consapevoli, ad un dibattito più aperto, alla tolleranza, alla non discriminazione ed eguaglianza delle persone LGBT+”.