Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Toghe contro manifestazione fascista, ma il problema è sottovalutato

Toghe contro manifestazione fascista, ma il problema è sottovalutato

Domenica scorsa alcuni militanti dell’estrema destra hanno organizzato una manifestazione per ricordare Sergio Ramelli; la Procura ha aperto un’inchiesta.

Sono stati attimi di scontri e tensioni quelli di domenica 29 aprile, quando degli attivisti di estrema destra si sono radunati per commemorare Sergio Ramelli, militante del Movimento Sociale Italiano ucciso nel 1975 a colpi di chiave inglese da militanti della sinistra extraparlamentare. Nella stessa giornata, alcune sigle della sinistra milanese avevano organizzato una manifestazione antifascista. La Procura di Milano ha aperto un’indagine per manifestazione fascista e manifestazione non autorizzata, nei riguardi del corteo per Ramelli a cui hanno partecipato soprattutto membri di CasaPound. Di fronte al murales in onore di Ramelli, circa un migliaio di persone hanno fatto il saluto romano.

Secondo gli osservatori, in generale il problema dell’apologia del fascismo è una questione sottovalutata dai magistrati. “È del tutto evidente la sottovalutazione del problema, anche nell’ultimo 25 aprile ci sono stati episodi scandalosi di apologia del fascismo, ma spesso anche la stessa magistratura non coglie la rilevanza della questione”, ha detto Saverio Ferrari, presidente dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre. Lo scorso 26 febbraio, ricorda Ferrari, sono stati assolti tre militanti di estrema destra che avevano urlato il motto nazista “Sieg Heil” al cimitero Musocco di Milano, mentre lo scorso 30 aprile quattro dirigenti di Lealtà azione che avevano fatto il saluto romano il 25 aprile 2016 sono stati assolti perché “il fatto non sussiste”.