Sei in: Home > Articoli > Cronaca > TIBUS – 10,5 KG DI DROGA NASCOSTI IN AUTO. CARABINIERI ARRESTANO DUE TRAFFICANTI.

TIBUS – 10,5 KG DI DROGA NASCOSTI IN AUTO. CARABINIERI ARRESTANO DUE TRAFFICANTI.

 

La scorsa sera, al termine di due distinti interventi nell’ambito del dispositivo finalizzato al controllo dei passeggeri in transito nell’area tra la stazione Tiburtina e l’autostazione Tibus, i Carabinieri della Compagnia Roma Parioli hanno arrestato due trafficanti di sostanze stupefacenti, recuperando e sequestrando, in totale, 14 kg marijuana.

In particolare, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli hanno notato due cittadini nigeriani, entrambi 38enni e con precedenti, salire a bordo di un’autovettura parcheggiata nei pressi della zona di transito dei passeggeri, e hanno deciso di fermarli per un controllo. L’eccessivo nervosismo dei due ha portato i Carabinieri ad approfondire gli accertamenti sul veicolo che hanno permesso di trovare un grosso sacco con all’interno 5 involucri in cellophane contenenti 10,5 kg di marijuana e, nascosta in un vano del cruscotto, una mazzetta di banconote, 750 euro in contanti. Il tutto è stato sequestrato, mentre gli arrestati sono stati portati e trattenuti in caserma, in attesa del rito direttissimo.

Poco dopo, nel corso dei medesimi controlli, una pattuglia mista impegnata nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, composta da un Carabiniere della Stazione Roma Nomentana e da militari dell’Esercito Italiano in forza al 3° Reggimento Artiglieria Terrestre del Raggruppamento Lazio-Abruzzo, a guida della Brigata “Sassari”, ha notato un uomo che, con fare sospetto, sostava nei pressi della banchina degli autobus. All’avvicinarsi della pattuglia, l’uomo gettava a terra uno zaino e si dava alla fuga. Recuperato lo zaino, il Carabiniere procedeva al controllo, rinvenendo al suo interno due involucri contenenti circa 3,5 kg di marijuana. La droga è stata sequestrata mentre proseguono le indagini per identificare l’uomo che ha abbandonato il “carico stupefacente”.