Breaking News Streaming
Sei in: Home / Articoli / Ambiente / Terremoto nel riminese, nessun danno a persone o edifici

Terremoto nel riminese, nessun danno a persone o edifici

Il terremoto ha avuto come epicentro la zona di Santarcangelo di Romagna

Solo tanta paura nel primo pomeriggio di oggi per gli abitanti del Riminese quando una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 ha colpito la zona. Fortunatamente nessun danno a persone o abitazioni. Il sisma – registrato alle 13.48 – ha avuto come epicentro la zona di Santarcangelo di Romagna ad una profondità di 43 chilometri ed è stato chiaramente avvertito dalla popolazione e dalle regioni limitrofe, una fra tutte le Marche (a Pesaro-Urbino e nell’Anconetano).

Nelle ore immediatamente successive alla scossa, addetti del Comune hanno effettuato alcuni sopralluoghi negli edifici pubblici della cittadina, non riscontrando criticità, come scritto nella nota diffusa oggi: “Nel corso del pomeriggio due squadre di tecnici hanno eseguito le verifiche senza rilevare danni – si legge – e pertanto domani le scuole saranno regolarmente aperte. Al momento non sono state registrate, inoltre, segnalazioni relative a danni o lesioni a persone e proprietà private. Nella giornata di domani – conclude la nota – i sopralluoghi proseguiranno con le verifiche alle grotte tufacee, chiuse dal primo pomeriggio di oggi in via precauzionale, ai cimiteri e in altri edifici pubblici”.

Numerose le chiamate ai Vigili del Fuoco ma nessun allarmismo e nessuna segnalazione di danni. A Rimini, si sono attivati una quindicina di tecnici che hanno svolto i sopralluoghi di verifica in tutte le 54 strutture scolastiche comunali. Come ha spiegato il sindaco, Andrea Gnassi, «non si segnalano danni a persone e cose e sono state avviate le verifiche degli edifici pubblici e delle scuole. Ci sono state molte chiamate ai Vigili del Fuoco da parte dei cittadini ma non si registrano danni: sono state avviate le procedure previste in questi casi con la Protezione Civile e gli stessi Vigili del Fuoco e siamo in costante contatto con le forze dell’ordine”.

Sono tornati a circolare anche i treni tra Rimini e Cesenatico sulla linea Rimini-Ravenna e tra Cesena e Riccione sulla linea Bologna-Ancona. La circolazione ferroviaria era stata temporaneamente sospesa per consentire la verifica dello stato dell’infrastruttura.