Sei in: Home > Archivio > “Terre di Qualità”, Roberto Cabiale è il nuovo presidente

“Terre di Qualità”, Roberto Cabiale è il nuovo presidente

Viticoltore di Moncalvo e già presidente di Coldiretti Asti, Roberto Cabiale è stato nominato presidente del Consorzio “Terre di Qualità”.

Martedì 10 luglio Roberto Cabiale è stato nominato presidente del Consorzio “Terre di Qualità”. Cabiale, un viticoltore di Moncalvo, ricopriva già il ruolo di presidente di Coldiretti Asti. La nomina è avvenuta nel corso dell’Assemblea del sodalizio, avvenuta presso l’Agriturismo Lanè di Baldichieri. Roberto Cabiale va a sostituire Marco Reggio, e con lui entrano anche nuovi membri del Consiglio di Amministrazione. Entreranno nel polo decisionale anche Silvano Giachino, imprenditore agricolo di Coazzolo, e Marco Perfumo, imprenditore agricolo di Nizza Monferrato.

“Ringrazio il presidente Marco Reggio per i risultati di natura economica raggiunti con il Consorzio Terre di Qualità in questi tre anni. Accetto con entusiasmo questa nuova avventura anche perché Terre di Qualità ha segnato una svolta importante per tutti noi viticoltori”. Queste le parole del neo-eletto Roberto Cabiale al momento dell’investitura.  I soci attivi del Consorzio “Terre di Qualità” sono attualmente 140. Si tratta soprattutto di viticoltori e orticoltori, uniti nell’obiettivo comune di aggregare le produzioni e costituire una massa critica sul mercato. Recentemente l’attività dell’assemblea è aumentata, consentendo l’approvazione di un bilancio in crescita e un incremento degli utili.

Tra i maggiori successi del Consorzio si fa menzione specialmente al progetto Barbera Amica, attivo dal 2012. L’iniziativa, prima vendemmia del Consorzio con l’accordo di filiera con la Cantina Barbera dei Sei Castelli, vuole rigenerare un comparto in crisi. Grazie a Barbera Amica si è registrata una risalita del valore delle uve, che nel 2017 si pagavano oltre 90 centesimi al chilo, rispetto ai 20 centesimi iniziali. Sono 87 i viticoltori che hanno aderito al progetto, mettendo a disposizione 200 ettari di terra, per un totale di uve che superano i 2 milioni di euro.