Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Eventi > Tecnologia e sicurezza, il convegno a Pordenone

Tecnologia e sicurezza, il convegno a Pordenone

image_pdfimage_print

Riconoscimento facciale, droni e pericoli di internet al centro del convegno sul tema “Multimedialità e Sicurezza”.

Si è svolto ieri mattina a Pordenone il convegno sul tema “Multimedialità e Sicurezza” a cui ha preso parte il capo della Polizia Franco Gabrielli. L’evento è stato organizzato dalla Questura locale e dal Consorzio Universitario di Pordenone. Nell’ambito delle attività istituzionali e di collaborazione per valorizzare Enti e realtà del territorio, il convegno è stato l’occasione per approfondire e condividere tematiche nell’ambito della sicurezza, attraverso l’intelligenza artificiale e la realtà aumentata. 

In particolare, nel corso della conferenza sono stati illustrati nuovi progetti e sperimentazioni come quelli sull’intera postura, la rilevazione ed elaborazione delle microespressioni dei volti, l’evoluzione nell’applicazione delle tecnologie di riconoscimento facciale ed emozionale. Sono state anche approfondite alcune tematiche come l’analisi predittiva comportamentale in luoghi affollati e di singoli soggetti e la sperimentazione delle tecnologie per la sicurezza applicate ai droni.

Riguardo al Web il Prefetto Gabrielli ha detto che “È un territorio estremamente complicato dove si annidano innumerevoli insidie e per l’importanza della materia creeremo una direzione centrale della Polizia cibernetica, ma – ha concluso il capo della Polizia Franco Gabrielli – è soprattutto uno spazio di libertà e tutto quello che deve e può essere fato deve essere fatto per colpire, inibire e censurare tutti quelli che ne fanno un uso improprio, consentendo agli altri di continuare a vivere quello spazio di libertà e di diritti con quella pienezza che è proprio di uno Stato democratico”.