Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Cultura > Teatri Verdi di Terni, inizia l’iter per la riqualificazione

Teatri Verdi di Terni, inizia l’iter per la riqualificazione

Una nuova sala prove, camerini sotto il palco, una nuova buca per l’orchestra, maggiore capienza e un intero piano di ammodernamento architettonico per il Teatro Verdi di Terni.

La Giunta comunale ha approvato ieri mattina all’unanimità la delibera relativa allo studio preliminare per la riqualificazione del teatro Verdi, con lo studio di fattibilità tecnico-economica per il restauro, l’adeguamento funzionale e impiantistico del teatro comunale. Lo studio preliminare approvato ieri tiene conto della precedente progettazione strutturale della nuova torre scenica e della copertura della sala spettatori, già oggetto di parere positivo da parte della Soprintendenza.

Con questa delibera – sottolinea l’amministrazione comunale con l’assessorato ai lavori pubblici – si traccia una linea e si rimette in movimento una situazione che era entrata in stallo, sulla base di un intervento chiarificatore da noi richiesto e dei vincoli cogenti da parte della Direzione Nazionale Generale e della Sovrintendenza. Un percorso diverso si sarebbe potuto ottenere solo con una revisione del vincolo, alla quale l’amministrazione non era contraria, ma che non è stato ottenuto.

Il progetto di massima prevede tra l’altro la realizzazione di una nuova sala prove o ridotto, al piano terra con una capienza di circa 210 posti posizionati su gradinata e con possibilità d’accesso ed uso indipendente dalla struttura principale, al fine di migliorare l’offerta di spazi sia per l’attività artistica, didattica e di produzione, anche a supporto del vicino Conservatorio G. Briccialdi; la realizzazione di camerini e locali di servizio al di sotto del palcoscenico; la realizzazione di una nuova buca d’orchestra adeguata per la dimensione scenica del teatro e connessa alle strutture tecniche e ai camerini, per una capienza di almeno 50 musicisti. Nella sala principale ci dovrà esser posto per almeno 826 spettatori, così suddivisi secondo l’ipotesi preliminare: platea 1° settore 214 posti; platea 2° settore 218 posti; platea 3°settore 194 posti; palchetti 1° ordine 24 posti; palchetti 2° ordine 68 posti; palchetti nuovo 3° ordine 108 posti.

Nel progetto preliminare è prevista anche una modifica della quota del palcoscenico per garantire una nuova e migliore visibilità da ogni posto, con la traslazione della nuova torre scenica verso Largo Sant’Agape, conformemente alla variante al Prg già approvata per garantire anche il posizionamento di nuove strutture scenotecniche e di collegamento verticale di servizio; l’individuazione di nuove vie d’esodo adeguate, nuove scale antincendio sia su Vico del Teatro che su Largo Sant’Agape, l’abbattimento di ogni barriera architettonica con l’installazione di un ascensore per l’accesso al foyer dalla strada, un altro per l’accesso ai vari livelli aperti al pubblico, oltre a montacarichi per le scene. Sono previste inoltre la realizzazione di un nuovo modesto volume su Largo Sant’Agape di altezza pari a quello dell’edificio confinante su via dell’Ospedale, per ospitare al piano terra locali tecnici e accesso diretto al piano camerini, al piano primo uffici ed accesso diretto al palcoscenico, al piano secondo un piccolo museo dedicato alla nascita ed alla vita del teatro Verdi per confermarne il ruolo fondamentale nella storia e nella identità cittadina.
Il ristrutturato Teatro Verdi dovrà essere adeguato per ospitare sia l’opera lirica che, con l’utilizzo di un impianto di amplificazione elettro-acustica, la prosa, la musica sinfonica e da camera, concerti di musica popolare, oltre qualsiasi altra attività convegnistica.

Ora c’è dunque un’idea progettuale elaborata sulla base dei vincoli e di una situazione concreta e l’iter di ristrutturazione del Verdi può rimettersi in moto, con l’utilizzo dei fondi a disposizione e con la possibilità di chiederne e ottenerne di ulteriori sia a soggetti istituzionali che privati.

I prossimi passaggi riguarderanno il bando per la ricerca dei progettisti attraverso un concorso internazionale per il progetto esecutivo-migliorativo, rispetto alla proposta progettuale di massima contenuta nella delibera approvata oggi; quindi seguiranno l’elaborazione del progetto esecutivo, la sua approvazione e l’avvio del primo stralcio dei lavori per la sala del teatro. Questo primo stralcio dovrà comunque essere eseguito prima dell’intervento sulla torre scenica per questioni tecniche, per consentire cioè di mantenere spazi adeguati al fine di raggiungere l’area più interna del teatro e operare in sicurezza nel cantiere.