Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Super Job, le richieste di condanna dell’accusa

Super Job, le richieste di condanna dell’accusa

 

Pesanti richiesta di condanna ieri pomeriggio per tre degli imputati dell’inchiesta Super Job. Nell’udienza preliminare davanti al gup del Tribunale di Latina Giorgia Castriota il pubblico ministero Giuseppe Bontempo ha chiesto una condanna a sei anni e dieci mesi per Fabio Cardenia, a sei anni e sei mesi per Enrico Fiorillo e tre anni e quattro mesi per Simona Nardi. Tutti e tre hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato per usufruire dello sconto di un terzo sulla pena.

L’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza aveva scoperto un sistema di società cooperative, riconducibili al commercialista di Aprilia Cardenia e all’imprenditore di Pavia Fiorillo, intestate a prestanome e destinate ad operare per pochi anni, utilizzate per la commissione di svariati reati tributari con un giro d’affari di 90 milioni di euro. In carcere erano finite 18 persone accusate di avere messo in piedi una organizzazione criminale, operante su scala internazionale, dedita alla commissione di reati tributari e reati contro la pubblica amministrazione tra cui quello di evasione delle imposte. Già nelle scorse udienze il pm  aveva presentato le richieste di condanna per altri imputati che vengono giudicati con l’abbreviato: tre anni e otto mesi per Andrea e Alessandro Aquilini; tre anni e 10 mesi per Federico Paoloni e per Marco Cristofaro 3 anni e 4 mesi  per Clementina Sprela e per Graziella Caddeo.

 

Prossima udienza il 24 aprile.