Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Sul Reddito di cittadinanza sanzioni solo sulla carta

Sul Reddito di cittadinanza sanzioni solo sulla carta

 

Per i soldi del reddito di cittadinanza alla prima platea di beneficiari i tempi sono stati rispettati, i pagamenti sulle Card sono arrivati puntuali tra il 21 aprile e il 10 maggio. Mentre la “Fase 2”, quella per avviare a un impiego, partirà con un periodo transitorio caratterizzato da obblighi e sanzioni praticamente inesistenti.
Sono solo due i vincoli previsti dalla legge: i beneficiari del Rdc (l’importo medio erogato è di 520 euro) che possono essere avviati ai centri per l’impiego devono dichiarare l’immediata disponibilità a lavorare entro un mese dal riconoscimento del sussidio: il 96% dei percettori ha già la «Did» che si può compilare anche on line.

L’altro obbligo è la convocazione entro 30 giorni dal riconoscimento del beneficio: per rispettare questa disposizione, secondo l’interpretazione che viene data dai tecnici del governo, è sufficiente una sola chiamata, un sms o una email con l’invito a presentarsi al centro per l’impiego (Cpi). Non esiste un termine entro il quale gli operatori dei Cpi sono tenuti a contattare i beneficiari. Si potrà dare appuntamento anche dopo mesi, rispettando la legge, e pure l’eventuale sospensione del Rdc non appare immediata, e difficilmente scatterà fino al 24 giugno.

sottoscrivere un «Patto per il lavoro» presso i Cpi. Il giorno prima ha trasmesso i nuovi standard di servizio per aggiornare la Sap (la Scheda anagrafica personale) con l’inserimento della finestra relativa al reddito di cittadinanza (la Sap è già utilizzata per l’assegno di ricollocazione e per Garanzia giovani). Ma sarà solo dal 24 giugno che diventerà realmente operativo il nuovo sistema automatizzato per gestire «in cooperazione applicativa» l’intero processo amministrativo del reddito di cittadinanza.

Fino al 24 giugno i centri per l’impiego potranno chiamare i primi 120mila beneficiari per sessioni informative di gruppo, ma probabilmente nulla di più. E non succederà nulla a chi non si presenta. Dal 24 giugno, con il processo informatizzato, dovrebbe scattare la condizionalità: ma anche qui non sono previsti tempi precisi per la chiamata da parte del centro per l’impiego (mentre, una volta fissato l’appuntamento, sono previste sanzioni per chi non si presenta). Sempre dal 24 giugno dovranno essere individuati anche i componenti della famiglia del percettore del Rdc.

La normativa, dunque, ha maglie larghe. Ma a rendere “incerto” il percorso di attivazione dei percettori del Rdc ci sono anche altri due nodi. Intanto, non è stato ancora emanato il decreto che consente l’assunzione dei 4mila operatori presso i Cpi. Poi, anche i tempi di operatività dei 3mila navigator sono stati più lunghi del previsto. Dovevano arrivare a maggio. Poi a giugno. Probabilmente arriveranno ad inizio luglio.