ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Stupro a Guidonia. Lega: subito videosorveglianza

Dopo lo stupro compiuto a Guidonia da un branco di extra comunitari, la Lega si è fatta sentire.

Gli esponenti della Lega, l’onorevole Barbara Saltamartini e il consigliere comunale Giovanna Ammaturo hanno commentato il fatto.

“Dopo l’orrendo stupro da parte di un branco di extracomunitari avvenuto nel territorio di Guidonia Montecelio, l’amministrazione locale non può stare a guardare. Serve rapidamente allestire un sistema di videosorveglianza nelle zone più a rischio e degradate del comune. In passato, sono state più volte, teatro di atti delinquenziali e violenze.

Da tempo la Lega insiste per l’installazione di telecamere. Ha incontrato, però, totale indifferenza nella giunta Barbet. Ma non prendere provvedimenti oggi sarebbe irresponsabile”.

Non sol0, hanno anche esplorato i benefici delle telecamere: “Garantirebbero sicuramente più sicurezza e tranquillità ai cittadini fungendo, allo stesso tempo, come deterrente per criminali e malintenzionati. Proprio nell’area dove è stata perpetrata la violenza alla donna,  il Comune tempo fa aveva annunciato l’installazione di una telecamera perché diventata, nel frattempo, una ‘discarica a cielo aperto’.

Nulla è stato fatto. Eppure ci sarebbe anche il modo per finanziare questo intervento, attraverso l’abbattimento dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali. Risparmio di risorse da investire quindi per la videosorveglianza e la sicurezza. La Lega c’è, lo ha sempre dimostrato”.

Poi il discorso, dal piano locale, passa a quello nazionale: “Siamo al lavoro a livello nazionale per un governo forte che solleciti e sostenga le amministrazioni locali a intervenire proprio sul tema sicurezza e che faccia rispettare le regole.  In questo modo, verrebbe garantita la certezza della pena e mandando a casa loro, con rimpatri ed espulsioni, senza alcuno sconto delinquenti e criminali extracomunitari”.