Strage discoteca: Ancona, domani sentenza per ‘banda spray’

 

A poco più di un anno e sette mesi dalla strage nella discoteca ‘Lanterna Azzurra’ di Corinaldo (Ancona), in cui l’8 dicembre 2018 morirono nella calca cinque adolescenti e una madre 39enne, arriverà domani la sentenza in abbreviato del gup Paola Moscaroli per la cosiddetta ‘Banda dello spray’: sei gli imputati, poco più che ventenni, originari del Modenese, accusati di aver commesso in gruppo, utilizzando anche spray al peperoncino, furti e rapine ai danni di ragazzi nel locale dove si attendeva l’esibizione in dj set di Sfera Ebbasta, generando il fuggi fuggi con il tragico epilogo fuori da un’uscita di sicurezza. Contestati anche l’omicidio preterintenzionale e l’associazione per delinquere.
Per i sei imputati – Raffele Mormone, Ugo Di Puorto, Badr Amouiyah, Andrea Cavallari, Moez Akari e Souhaib Haddada, tutti arrestati il 7 agosto 2019 dai carabinieri -, la Procura ha chiesto condanne tra i 16 e i 18 anni di carcere. Gli imputati respingono le accuse di associazione e di aver spruzzato lo spray urticante in discoteca.