Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Spari nel Grossetano: un morto e un ferito

Spari nel Grossetano: un morto e un ferito

Un uomo di 35 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco, mentre un ragazzo è ricoverato in gravi condizioni in provincia di Grosseto.

Un uomo di 35 anni è stato ucciso con un colpo di arma da fuoco al torace a Gavorrano (Grosseto) la notte scorsa. Ferito nelle stesse circostanze, sempre con uno sparo, un ragazzo di 18 anni ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Siena dove è stato sottoposto a intervento chirurgico. In precedenza, secondo quanto si apprende, il ragazzo avrebbe raggiunto, non si sa se da solo o se aiutato da qualcuno, l’ospedale di Follonica da dove è stato trasferito a Siena in elicottero. Indagini dei carabinieri per ricostruire la vicenda. La vittima e il ferito sarebbero di nazionalità straniera.

Non avrebbe avuto documenti con sé e deve essere identificato con esattezza l’uomo di circa 35 anni ucciso con un’arma da fuoco nel Grossetano, vicino a un bivacco che sarebbe luogo di spaccio nella campagna di Gavorrano, in un’area mineraria dismessa.

Alcune informazioni ai carabinieri sul deceduto sarebbero provenute dal ferito, il 18enne che si trovava nello stesso posto al momento degli spari che la notte scorsa li hanno raggiunti entrambi. In corso di accertamento i rapporti tra i due, che sarebbero entrambi nordafricani. La salma è stata rimossa e portata all’obitorio di Grosseto a disposizione dell’autorità giudiziaria. I carabinieri stanno cercando altre persone che potrebbero essere coinvolte nella vicenda.

“Sono sconcertato. Non ero a conoscenza di segnalazioni che possono far pensare ad una zona di traffici illeciti. La mia fiducia va agli inquirenti che sapranno agire nel dovuto modo”. Lo dice il sindaco di Gavorrano (Grosseto), Andrea Biondi, riguardo all’omicidio e al ferimento di un 18enne con spari di armi da fuoco, forse per un regolamento di conti, avvenuto la notte scorsa in località Filare. Tra le prime ipotesi investigative c’è che l’omicidio sia avvenuto nell’ambito dello spaccio di droga, ma non sarebbe l’unica valutazione in corso da parte degli investigatori dei carabinieri.