Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Spaccio, porto d’armi e banconote false: arrestato un 47enne nel potentino

Spaccio, porto d’armi e banconote false: arrestato un 47enne nel potentino

L’uomo era solito rifornirsi di sostanza, soprattutto cocaina, quasi ogni giorno, per poi venderla nel potentino. I controlli domiciliari in occasione dell’arresto hanno rivelato la potenziale presenza di altri reati.

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Senise hanno portato a termine un’importante operazione di servizio antidroga, traendo in arresto un 47enne di Castelluccio Superiore (Potenza), responsabile di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Il provvedimento è giunto all’esito di specifica richiesta formulata dalla locale Procura, che ha concordato con le risultanze investigative raccolte dai Carabinieri, in un arco temporale compreso tra il luglio 2018 e il mese scorso, durante il quale sono stati ricostruiti una serie di episodi in cui l’arrestato, rifornendosi di consistenti quantitativi di stupefacente nel lagonegrese, in particolare cocaina, con cadenza quasi giornaliera, si era reso autore di numerose vendite, al prezzo di 70/90 euro a dose, effettuate nella stessa zona, in alcuni centri del senisese e della limitrofa provincia di Cosenza. La condotta è stata reiterata nel tempo, senza che lo stesso mostrasse un minimo tentennamento, anche a fronte di più controlli effettuati nei suoi confronti dal personale dell’Arma.

Durante il suo arresto, eseguito con l’aiuto dell’unità antidroga del Nucleo Cinofili Carabinieri di Tito (PZ), grazie anche al fiuto del cane “Gnom” gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato nella sua abitazione 3,5 grammi circa di cocaina, due pugnali illegali, e 400 euro in banconote contraffatte, delle quali 15 da 20 e 2 da 50 euro, responsabilità per le quali il 47enne è stato deferito anche in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, oltre che per l’ipotesi delittuosa di spaccio, anche per i reati di spendita di monete falsificate e porto di armi od oggetti atti ad offendere.

L’impegno assiduo e quotidiano dei Carabinieri per contrastare la diffusione di droghe nel capoluogo lucano.

Quanto descritto costituisce solo l’ennesimo ed ultimo, in ordine di tempo, risultato operativo conseguito dai Carabinieri della Compagnia di Senise nel contrasto al fenomeno della droga, che si manifesta sul territorio nelle forme più diverse. Basti ricordare quanto successo nella notte tra il 31 di ottobre e il 1° del mese a Terranova del Pollino (PZ), dove i Carabinieri, intorno alle 7 del mattino, intervennero in un immobile in disuso, di proprietà comunale, al cui interno si stava svolgendo una festa di Halloween non autorizzata, i cui partecipanti erano una ventina di giovani provenienti dalla Puglia, dal materano e dal potentino. Nell’occasione fu arrestato in flagranza di reato un 26enne, residente nel leccese, responsabile anch’egli di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre a Noepoli (PZ), nella stessa nottata, i militari della locale Stazione, per il medesimo reato, deferirono in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un 26enne e un 31enne del materano.

Al compimento degli accertamenti, i Carabinieri di Senise, imbattutisi nel ritrovamento di un mix di droghe, alcune delle quali di origine sintetica, rinvenibili meno usualmente, ne sequestrarono oltre 20 grammi,  tra cui “ecstasi”, “speed”, “ketamina”, “marijuana”, “hashish” e “cocaina”. L’operazione di servizio è da inquadrare tra le attività d’istituto quotidiane destinate ad assicurare un efficace controllo del territorio, azione che i Carabinieri del Comando Provinciale di Potenza stanno sempre più intensificando, coinvolgendo i presidi territoriali, quali i Comandi di Compagnia e Stazione.