Sei in: Home > Edizioni Locali > Ciociaria > Sora, sequestra una donna e la violenta ripetutamente

Sora, sequestra una donna e la violenta ripetutamente

Nei giorni scorsi, un uomo di 35 anni ha sequestrato una donna in una casa di campagna a Sora e l’ha costretta con la forza ad avere dei rapporti sessuali.

Le indagini hanno avuto inizio quando, un’amica romena della vittima, residente a Roma, si era recata nel Commissariato della Capitale per denunciare la richiesta di aiuto fatta dalla sua amica durante una telefonata. La donna aveva chiesto aiuto alla romena dichiarando di essere stata rapita da un loro connazionale per poi essere sequestrata in un’abitazione in Ciociaria; è stata poi picchiata e costretta a subire dei rapporti sessuali.

G.V., il 35enne colpevole delle violenze e del sequestro, è stato trovato dalle Forze dell’Ordine a bordo di un’autovettura nel centro di Sora, mentre era in compagnia della vittima.

L’uomo è stato accompagnato in Caserma dopo il fermo ed è stato denunciato in stato di libertà per i reati di “sequestro di persona, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni personali”.

La donna è stata invece accompagnata presso il locale nosocomio dopo aver confermato le dichiarazioni rese telefonicamente alla romena. Sono stati riscontrati sulla sua persona i segni delle violenze subite.

Il Pubblico Ministero Dott. Franco Emanuele, informata la Procura della Repubblica di Cassino, ha disposto l’allontanamento della vittima in altra località e attività info-investigative suppletive per il 35enne, il quale ha dimostrato la sua ossessione nel tempo di due settimane, nel ritrovare la donna e di vendicarsi della fuga poiché follemente innamorato.

Giovedì 29 Novembre, è stato eseguito il provvedimento restrittivo nei confronti dell’uomo, tratto in arresto con precedenti per spendita e introduzione nello Stato di moneta falsificata, lesioni personali, ricettazione, minaccia, guida in stato di ebrezza alcolica.

Espletate le formalità di rito, è stato dunque portato presso la Casa Circondariale di Cassino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento