Sei in: Home > Edizioni Locali > Bologna > Sognalib(e)ro, il primo premio letterario per detenuti

Sognalib(e)ro, il primo premio letterario per detenuti

Sognalib(e)ro, il primo premio letterario per detenuti: iniziativa promossa dal Comune di Modena

Si chiama “Sognalib(e)ro” ed è il primo premio letterario per detenuti; l’iniziativa è stata promossa dal Comune di Modena, in collaborazione con il Dipartimento Amministrazione Penitenziaria. Esso si svolgerà in 10 carceri italiane per questa prima edizione, con Giunti editore e il sostegno di BPER Banca.

Il concorso è stato ideato da Bruno Ventavoli, direttore di Tuttolibri (La Stampa), ed è stato presentato in Municipio.

Nello specifico, due sono le sezioni; nella prima, una giuria di detenuti lettori decreterà il vincitore fra tre romanzi selezionati da scrittori come Ferrante, Siti e Manzini; così, in lizza ci sono “L’Arminuta” di Donatella di Pietrantonio (Einaudi, Campiello 2017), “Una storia nera” di Antonella Lattanzi (Mondadori) e “Perduto in paradiso” di Umberto Pasti (Bompiani). Il vincitore si aggiudicherà il premio Bper Banca e la facoltà di scegliere i libri da inviare agli istituti.

Invece, nell’altra sezione, la giuria di esperti sceglierà un inedito scritto dai detenuti (romanzo, racconti, poesie) che potrà essere pubblicato da Giunti, che inoltre donerà libri al carcere del vincitore.

image_pdfimage_print