Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ambiente > Smog, in Lombardia polveri restano sopra i limiti

Smog, in Lombardia polveri restano sopra i limiti

Il Presidente Fontana: “Da Regione azioni concrete, da Governo promesse non mantenute”.

Sono ancora superiori ai termini massimi previsti dalle norme i valori del Pm10 registrati ieri a Milano. Lo dimostrano i dati delle ultime 24 ore diffusi oggi da Arpa Lombardia. A Milano, a seconda della posizione delle centraline di rilevamento, i valori oscillano da 58 a 71 microgrammi per metro cubo (il limite è fissato in 50, ndR). Valori superiori alle soglie anche nell’Hinterland milanese, e a Monza, Cantù (Como), Saronno (Varese) e Como. Il picco massimo di Pm10 si è registrato a Merate (Lecco) con 81 microgrammi per metro cubo.

“A giugno dello scorso abbiamo sottoscritto un Protocollo attraverso il quale il Governo si impegnava a svolgere attività e garantire risorse economiche per cercare di combattere l’inquinamento. Da allora ad oggi il Governo non ha svolto alcun tipo di attività e non ha versato neppure un euro”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, replicando anche alle dichiarazioni del vice ministro allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni che, nei giorni scorsi, aveva garantito l’intervento dell’esecutivo per fronteggiare le problematiche connesse all’inquinamento atmosferico in Lombardia e nel Bacino padano.

“La Regione Lombardia, in piena autonomia, invece – ha aggiunto il governatore – ha proseguito nella propria azione basata sui fatti concreti. Ricordo, ad esempio, che nel bilancio approvato a dicembre in Consiglio regionale ha previsto 26,5 milioni di euro per cercare di togliere dalle strade le auto più inquinanti continuando in tutta quella attività che da anni ha contribuito a migliorare la situazione”.