Streaming
Sei in: Home > Articoli > Politica > Slovenia-Fvg, Pahor non vuole il muro

Slovenia-Fvg, Pahor non vuole il muro

Il presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor ha detto che “due paesi europei che sono entrambi aderenti a Schengen non debbono adottare ulteriori misure per rafforzare il pattugliamento dei confini”.

C’è stato un incontro breve, di appena una quindicina di minuti, ma “estremamente cordiale”, tra il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e il presidente della Repubblica di Slovenia Borut Pahor. Il tema centrale è stato quello della collaborazione tra le due amministrazioni in tema di immigrazione; l’incontro è avvenuto a margine delle celebrazioni del 99° anniversario dell’incendio del Narodni Dom a Trieste. La difesa dei confini, dunque, è stata l’argomento dello scambio tra i due leader. Fedriga sottolinea la necessità di potenziare le relazioni con il paese vicino, “Slovenia al fine di sviluppare strategie sempre più efficaci sui numerosi fronti comuni che interessano le due realtà, a iniziare dalla lotta all’immigrazione illegale”, recita una nota della Regione Fvg.

La volontà di unirsi in iniziative condivise, come i pattugliamenti al confine congiunti inaugurati lo scorso primo luglio, è condivisa dai due politici, ma il capo di Stato di Slovenia è contrario all’idea di un muro, paventata alcune settimane fa dal governatore friulano. “Ho incontrato il Governatore Massimiliano Fedriga al quale ho detto che due paesi vicini, due paesi europei che sono entrambi aderenti a Schengen non debbono adottare ulteriori misure per rafforzare il pattugliamento dei confini”, ha detto Borut Pahor.