Breaking News Streaming
Sei in: Home / Articoli / Ambiente / “Skarozzata” a Torino per capire le difficoltà dei disabili

“Skarozzata” a Torino per capire le difficoltà dei disabili

Questa mattina è partita da Piazza Castello la prima “Skarrozzata”, che mette i cittadini in condizione di vivere i disagi di chi si sposta in sedia a rotelle.

Quali difficoltà devono affrontare tutti i giorni i cittadini torinesi che si spostano in sedia a rotelle? Quali sono le barriere architettoniche che rendono difficili gli spostamenti delle persone affette da disabilità motorie? Per rispondere a queste domande è partita questa mattina da Piazza Castello la prima “Skarrozzata” torinese, che dà ai cittadini senza disabilità la possibilità di percorrere un tratto di strada su una sedia a rotelle. In questo modo si entra in contatto con problemi a cui la maggior parte dei residenti non pensa, come le barriere architettoniche che possono diventare ostacoli insormontabili per chi si sposta in carrozzina.

L’attività è stata organizzata dal movimento culturale “La Skarrozzata”, Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus e Officina Ortopedica Maria Adelaide, con il Patrocinio della Città di Torino. Decine di persone hanno aderito all’iniziativa di sensibilizzazione, cogliendo la possibilità di provare a vivere qualche attimo a bordo di carrozzine manuali ed elettriche, unicicli, ruotini, segway e scooter. Il percorso ha coinvolto un tragitto ricco di ostacoli e barriere architettoniche, passando per via Pietro Micca, via Bertola, via Milano, piazza Palazzo di Città e via Garibaldi, per poi tornare in Piazza Castello. Anche consiglieri comunali e assessori hanno partecipato all’attività: l’assessore Alberto Sacco ha giudicato “importante che le istituzioni lavorino con le associazioni per la tutela dei diritti delle persone disabili”.