Sei in: Home / Articoli / Ambiente / “Skarozzata” a Torino per capire le difficoltà dei disabili

“Skarozzata” a Torino per capire le difficoltà dei disabili

Questa mattina è partita da Piazza Castello la prima “Skarrozzata”, che mette i cittadini in condizione di vivere i disagi di chi si sposta in sedia a rotelle.

Quali difficoltà devono affrontare tutti i giorni i cittadini torinesi che si spostano in sedia a rotelle? Quali sono le barriere architettoniche che rendono difficili gli spostamenti delle persone affette da disabilità motorie? Per rispondere a queste domande è partita questa mattina da Piazza Castello la prima “Skarrozzata” torinese, che dà ai cittadini senza disabilità la possibilità di percorrere un tratto di strada su una sedia a rotelle. In questo modo si entra in contatto con problemi a cui la maggior parte dei residenti non pensa, come le barriere architettoniche che possono diventare ostacoli insormontabili per chi si sposta in carrozzina.

L’attività è stata organizzata dal movimento culturale “La Skarrozzata”, Consulta per le Persone in Difficoltà Onlus e Officina Ortopedica Maria Adelaide, con il Patrocinio della Città di Torino. Decine di persone hanno aderito all’iniziativa di sensibilizzazione, cogliendo la possibilità di provare a vivere qualche attimo a bordo di carrozzine manuali ed elettriche, unicicli, ruotini, segway e scooter. Il percorso ha coinvolto un tragitto ricco di ostacoli e barriere architettoniche, passando per via Pietro Micca, via Bertola, via Milano, piazza Palazzo di Città e via Garibaldi, per poi tornare in Piazza Castello. Anche consiglieri comunali e assessori hanno partecipato all’attività: l’assessore Alberto Sacco ha giudicato “importante che le istituzioni lavorino con le associazioni per la tutela dei diritti delle persone disabili”.

Check Also

Ritrovato il Bal Tic Tac di Giacomo Balla

Durante la ristrutturazione di una palazzina della Banca d’Italia è stato scoperto un murales di …