Sei in: Home > Edizioni Locali > Ciociaria > Situazione covid in Ciociaria: “drastigi aumenti e situazione a rischio per le strutture ospedaliere”

Situazione covid in Ciociaria: “drastigi aumenti e situazione a rischio per le strutture ospedaliere”

La Ciociaria diventa sorvegliata speciale. L’impennata ripida della curva dei contagi di questi ultimi giorni ha fatto scattare l’allarme rosso. Si attende il Dpcm del premier Conte e poi la Regione Lazio deciderà l’eventuale emanazione di provvedimenti più restrittivi. Tra i quali, quello più drastico è l’adozione di zone rosse su base locale. E i riflettori sono accesi pure su alcuni Comuni della provincia di Frosinone.

Gli scenari

Partiamo dai nuovi casi positivi. Negli ultimi ventidue giorni sono stati 3.732, per una media di 169,63 ogni ventiquattro ore. E domenica si è toccato il record giornaliero, con 399. Ieri sono stati 87, ma su 460 tamponi effettuati. Il 18,9%. Percentuale alta: un contagiato ogni 5,2 test molecolari o rapidi effettuati.
E negli ultimi trentatré giorni i nuovi casi sono stati 4.014, per una media di 121,63. Tutte cifre che portano ad un’uni ca conclusione: da due settimane la Ciociaria è la provincia del Lazio con il più alto numero di nuovi contagiati. Sotto osservazione, in particolare, il valore Rt, l’indice di trasmissibilità del virus. Oscilla intorno a 1,5. Ieri nel Lazio era 1,51 e l’assessore Alessio D’Amato ha detto nei giorni scorsi che nelle province questo dato è più alto rispetto a Roma. E proprio a seconda del valore Rt le Regioni avranno la possibilità di scegliere il colore del “semaforo”: verde, arancione, rosso. Rosso è il livello massimo di lockdown, parametrato sul documento dell’Istituto Superiore di Sanità che è stato condiviso con le Regioni. Documento aggiornato al 12 ottobre.

Covid hotel

Operativo l’albergo di Fiuggi dove andranno le persone che devono osservare un periodo di sorveglianza domiciliare (per i positivi) o in isolamento fiduciario (per i negativi). Sono 50 i posti disponibili. Una misura presa per chi non ha la possibilità di stare in quarantena nella propria abitazione. Perché c’è anche la necessità di poter aver degli spazi per salvaguardare gli altri familiari.