Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Siria: nuovi raid turchi sui curdi. Erdogan, se Ue ci ostacola mandiamo i profughi

Siria: nuovi raid turchi sui curdi. Erdogan, se Ue ci ostacola mandiamo i profughi

 

Proseguono i bombardamenti dell’artiglieria e dell’aviazione turca contro obiettivi curdi nel nord-est della Siria. Lo riferiscono le tv locali, mostrando tra l’altro immagini del fumo che si leva in questi minuti dalla zona di Tal Abyad, di fronte alla località frontaliera turca di Akcakale. Altri raid si segnalano sull’area di Ras al Ayn, l’altro punto d’accesso dell’offensiva di Ankara, distante circa 120 km da Tal Abyad.

Se l’Ue ci accuserà di “occupazione” della Siria e ostacolerà la nostra “operazione” militare, “apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi“. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo Akp. A meno di 24 ore dall’inizio dell’operazione militare ‘Fonte di pace’ nel nord-est della Siria, “109 terroristi sono stati uccisi” dai raid della Turchia, ha affermato Erdogan.  Al mondo intero “voglio dare questa rassicurazione: Daesh (Isis) non sarà presente nella regione” della Siria nordorientale dopo l’operazione militare avviata dalla Turchia. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo Akp.

L’operazione militare della Turchia nel nordest della Siria è il risultato delle azioni degli Stati Uniti in quell’area. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, citato da Interfax.
La Russia promuoverà il dialogo “tra Damasco e Ankara” alla luce dell’operazione turca in Siria. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. “Abbiamo motivi per credere che soddisferà gli interessi di entrambe le parti”, ha affermato Lavrov. Allo stesso tempo la Russia “promuoverà i contatti tra Damasco e i gruppi curdi che rinunciano all’estremismo e alle tattiche terroristiche”, ha affermato. Lo riporta Interfax.

“Nella pianificazione ed esecuzione dell’operazione Fonte di pace vengono presi di mira solo rifugi, ripari, postazioni, armi, mezzi ed equipaggiamenti che appartengono a terroristi del Pkk/Pyd-Ypg e di Daesh (Isis)”. Lo scrive in una nota il ministero della Difesa di Ankara, respingendo così le denunce delle Forze democratiche siriane a guida curda di aver colpito “civili”, uccidendone almeno 8.

A meno di 24 ore dall’inizio dell’operazione militare contro le milizie curde nel nord-est della Siria, è scattata in Turchia la repressione interna contro i commenti ostili all’offensiva. La procura della capitale Ankara ha aperto stamani un’inchiesta per “propaganda terroristica” nei confronti dei co-leader del filo-curdo Hdp, terza forza nel Parlamento turco, i deputati Sezai Temelli e Pervin Buldan. Almeno altre 78 persone sono indagate per i loro post sui social media.

Cinque soldati turchi sono stati uccisi nelle ultime ore in scontri con le forze curdo-siriane nel nord-est della Siria. Lo affermano le forze curdo-siriane citate dalla tv panaraba al Arabiya. Le stesse forze curde affermano di essere in possesso delle salme dei militari turchi uccisi. Le informazioni non possono essere verificate in maniera indipendente sul terreno.

“Le forze militari turche hanno colpito finora 181 postazioni appartenenti alle organizzazioni terroristiche nel nordest della Siria come parte dell’Operazione Fonte di pace” scattata oggi contro i curdi. Lo annuncia il ministero della Difesa turco, citato dall’agenzia Anadolu, riferendosi alle forze curde che la Turchia giudica appunto “terroristi”.

Iniziativa bipartisan al Senato per imporre sanzioni alla Turchia se non ritira il suo esercito dalla Siria nella sua operazione contro le forze curde. L’obiettivo è imporre all’amministrazione Trump di congelare i beni in Usa dei più alti dirigenti turchi, compreso il presidente Erdogan e i suoi ministri degli esteri, della difesa, delle finanze, del commercio e dell’energia. Le misure punitive colpirebbero anche le entità straniere che vendono armi ad Ankara, come pure il settore energetico turco.

Miliziani affiliati all’Isis hanno attaccato nelle ultime ore forze curdo-siriane nella zona di confine con la Turchia dove è in corso l’offensiva turca. Lo riferiscono fonti curdo-siriane vicine all’amministrazione autonoma curda del nord-est siriano. Secondo le fonti, gli scontri sono in corso a sud di Ras al Ayn. Non è possibile verificare in maniera indipendente le informazioni provenienti dalle parti coinvolte nel conflitto.

Il regime di Damasco è scosso al suo interno da una serie di ‘epurazioni’ senza precedenti contro influenti imprenditori e uomini d’affari vicini al potere siriano, tra cui lo zio della first lady Asma al Assad. Secondo l’autorevole portale The Syria Report, la Banca Centrale ha congelato i conti di 8 imprenditori tra cui Tarif al Akhras, zio della moglie del presidente. La notizia conferma il ‘terremoto’ in corso negli equilibri del potere politico ed economico nel Paese, che potrebbe avere un impatto sul presidente Assad.

La Turchia attacca i curdi nel nord-est della Siria. Nelle prime ore del pomeriggio, i jet F-16 di Ankara hanno dato ufficialmente il via all’operazione ribattezzata ‘Fonte di pace’ bombardando obiettivi delle milizie Ypg a Ras al-Ayn, seguiti poco dopo dai colpi d’artiglieria su Tal Abyad, per “eliminare i rischi” prima di avviare l’offensiva di terra. E in serata l’annuncio del ministero della Difesa: l’esercito turco ha attraversato il confine ed è entrato nel nord della Siria. Il governo di Recep Tayyip Erdogan non ha indicato, al momento, il numero dei combattenti mandati oltre frontiera. Ma al confine le forze di terra erano già ammassate con decine di blindati, almeno 5 mila soldati delle forze speciali d’assalto, che possono contare su 18 mila combattenti arabi e turcomanni dell’Esercito siriano libero cooptati da Ankara.

Recep Tayyip Erdoğan

@RTErdogan

The Turkish Armed Forces, together with the Syrian National Army, just launched #OperationPeaceSpring against PKK/YPG and Daesh terrorists in northern Syria. Our mission is to prevent the creation of a terror corridor across our southern border, and to bring peace to the area.

Recep Tayyip Erdoğan

@RTErdogan

#OperationPeaceSpring will neutralize terror threats against Turkey and lead to the establishment of a safe zone, facilitating the return of Syrian refugees to their homes.

We will preserve Syria’s territorial integrity and liberate local communities from terrorists.

Secondo i curdi, i raid aerei hanno già provocato la morte di diversi “civili” nei villaggi frontalieri, dove si è scatenato “il panico”. Almeno 15 i morti, di cui 8 civili, hanno riferito fonti locali. E la risposta curda, per ora, si è limitata ad alcuni colpi di mortaio sparati verso la frontiera turca. Immediata è giunta la condanna internazionale, dall’Ue all’Onu fino a Russia e Iran, i partner turchi nei negoziati di Astana sulla Siria. E anche Donald Trump, pur ribadendo il disimpegno Usa da queste “stupide guerre”, ha definito l’offensiva “una cattiva idea” e chiesto che la Turchia rispetti “tutti i suoi impegni”, tra cui “proteggere i civili, le minoranze religiose, inclusi i cristiani, e assicurare che non ci sarà alcuna crisi umanitaria”, oltre che “garantire che tutti i combattenti dell’Isis catturati restino in prigione e che l’Isis non rinasca in nessun modo o forma”. Ma Recep Tayyip Erdogan brinda all’intervento contro il Rojava, da anni un suo chiodo fisso. “La nostra missione è evitare la creazione di un corridoio del terrore ai nostri confini meridionali e di portare pace nell’area” e condurrà “alla creazione di una zona di sicurezza, facilitando il ritorno a casa dei rifugiati siriani”, ha scritto su Twitter il presidente turco annunciando l’offensiva.

Siria, iniziata l’operazione militare turca

Le condanne dell’azione si susseguono di ora in ora. A fermare Erdogan ci aveva provato l’amico Vladimir Putin, ultimo leader straniero a parlargli prima dell’attacco. Il suo invito a “non compromettere gli sforzi congiunti per risolvere la crisi siriana” è caduto nel vuoto, come l’appello poco prima del presidente iraniano Hassan Rohani a risolvere le “legittime preoccupazioni” sui curdi affidandosi a Bashar al Assad. Ankara ha informato sui primi sviluppi dell’operazione gli ambasciatori dei Paesi membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu, che domani dovrebbe avere una riunione d’emergenza. Rassicurazioni che però non sono bastate. “Molto preoccupato” si è detto il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, secondo cui non può esserci “alcuna soluzione militare al conflitto in Siria”. Dura la condanna dell’Ue, con il presidente uscente della Commissione Jean-Claude Juncker che ha lanciato un “appello alla Turchia affinché blocchi l’operazione militare” e ha avvertito: “Non aspettatevi che l’Ue finanzi una cosiddetta zona di sicurezza”. Per il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, Ankara rischia di “causare un’ulteriore catastrofe umanitaria e un nuovo movimento di profughi”. Anche l’Italia condanna l’intervento militare. “Preoccupazione” per “iniziative che possono portare ad un’ulteriore destabilizzazione della regione” è stata espressa dal premier Giuseppe Conte, mentre per il ministro degli Esteri Luigi Di Maio “nessuna risposta militare può rappresentare una soluzione alla crisi in corso” e “azioni unilaterali rischiano solo di pregiudicare i risultati raggiunti nella lotta contro la minaccia terroristica, a cui l’Italia ha dato un significativo contributo nell’ambito della Coalizione anti-Daesh”. Condanne anche dall’Arabia Saudita e dall’Egitto, che ha chiesto una riunione urgente della Lega Araba.