ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
venerdì 1 Luglio 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Sindacati dello spettacolo in audizione in Comune. Presentata proposta di protocollo contro il lavoro irregolare. Il 30 ottobre manifestazione a Bologna

Nella audizione della Commissione Cultura del Comune di Bologna svoltasi in data odierna, 22 ottobre, i sindacati confederali dei lavoratori dello Spettacolo SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL, hanno presentato una loro proposta per un Protocollo con il Comune   per contrastare il lavoro irregolare e la mancata applicazione dei Contratti Nazionali di settore. La CGIL ha inoltre ricordato come l’emergenza per i lavoratori dello Spettacolo non è mai finita, e che quindi è necessario che le specifiche indennità che sono state previste sino a luglio vengano prorogate. Ha ricordato anche che queste indennità in molti casi non sono state ancora percepite, e per alcuni non potranno esserlo se non intervengono leggi o circolari applicative correttive.
Ma il Sindacato ha altresì segnalato come le Indennità non sono la soluzione: la soluzione è la soluzione è uno strumento di riconoscimento e tutele nella discontinuità, una misura strutturale che riconosca le peculiarità del lavoro nello Spettacolo, unita ad altre misure specifiche di welfare e semplificazione delle procedure di agibilità. A questo proposito, il 27 ottobre la CGIL regionale organizzerà una tavola rotonda con l’On. Gribaudo, presentatrice di una proposta di legge per la tutela dei lavoratori dello Spettacolo, e gli Assessorati del Comune di Bologna e della Regione Emilia-Romagna, per  discutere di queste proposte.

Nel segnalare come indifferibili queste misure legislative, I SINDACATI UNITI CHIEDONO ANCHE UNA AZIONE DELLE ISTITUZIONI TERRITORIALI, affinché costruiscano con le Parti Sociali luoghi di analisi  e di confronto, e definiscano protocolli per contrastare il lavoro irregolare e la mancata applicazione dei CCNL. E chiedono di ADEGUARE LE RISORSE affinché queste buone pratiche si possano concretamente realizzare. Per sostenere questi misure è stata indetta una giornata di mobilitazione nazionale il 30 OTTOBRE, articolata con manifestazioni nelle città capoluogo. Per Bologna si terrà un presidio unitario davanti alla Prefettura dalle ore 10 (vedi volantino allegato).