Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Cagliari > Sigilli a coltelli sardi made in Asia

Sigilli a coltelli sardi made in Asia

 

Oltre 1.500 falsi coltelli tradizionali sardi, modello “pattadesa”, fabbricati in Pakistan e pronti alla vendita in una boutique di souvenir e artigianato locale di Golfo Aranci, sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza del Comando provinciale di Sassari.
Denunciata anche un’imprenditrice sassarese di 54 anni, per frode in commercio.
I Baschi Verdi nel corso di una serie di controlli nel settore del commercio hanno intercettato alcuni colli di merce trasportati da un spedizioniere e diretti a Golfo Aranci. I militari, insospettiti dalla documentazione che accompagnava i pacchi, hanno approfondito i controlli. I pacchi sono stati aperti alla presenza del destinatario e i finanzieri si sono trovati davanti a 690 coltelli di varie misure, di foggia simili al modello “pattadesa” che viene prodotto artigianalmente in Sardegna, ma realizzati nell’Asia meridionale. Erano stati acquistati per 5 euro il pezzo e sarebbero stati rivenduti a prezzi oscillanti tra i 30 e i 70 euro.