Sei in: Home > Articoli > Sport > Shakhtar Atalanta 0-3: ebbene si, la dea continua la sua favola e lo fa tra le migliori 16 d’Europa

Shakhtar Atalanta 0-3: ebbene si, la dea continua la sua favola e lo fa tra le migliori 16 d’Europa

 

Come nelle favole. L’Atalanta si qualifica agli ottavi di finale di Champions League. La vittoria per 3-0 sul campo dello Shakhtar Donetsk, in contemporanea al successo per 4-1 del Manchester City sul campo della Dinamo Zagabria, permette alla squadra di Gasperini di chiudere al secondo posto nel Gruppo C. Decisivi i gol nel secondo di tempo di Castagne, un tap-in su assist di Gomez che ha avuto bisogno di essere rivisto al VAR per verificare la posizione del capitano dell’Atalanta, di Pasalic, una deviazione beffarda su una punizione di Malinovskyi, e di Gosens, furbo a sfruttare un retro passaggio errato di Stefanenko. L’Atalanta è la seconda squadra nella storia della Champions dopo il Newcastle a superare la fase a gironi dopo aver perso le prime tre partite. Un’impresa che prende forma grazie ai miracoli di Gollini nel primo tempo, all’espulsione di Dodo che lascia lo Shakhtar Donetsk in inferiorità numerica a dieci minuti dalla fine, al coraggio di Gasperini che per blindare il risultato fa esordire il giovane difensore brasiliano Roger Ibañez e più in generale alla solita prestazione di cuore offerta da questa squadra, che già ci ha deliziato in campionato lo scorso anno, ed ora anche nella coppa dei campioni.

Risultati immagini per logo atalanta

 

Erano le 2:30 di questa notte e l’Aeroporto di Orio al Serio si è dipinto di nerazzurro: è tornata l’Atalanta, nella notte della storia. Erano in 1500 ad attendere Gasperini e i suoi eroi al ritorno dall’impresa ucraina, che ha regalato gli ottavi di finale di Champions League alla Dea. Scene memorabili, all’arrivo in Italia: perché questa squadra sorprende da due anni. Prima le scene di giubilo in centro a Bergamo, proseguite in aeroporto, all’arrivo della squadra. Infine, la squadra si è recata al centro sportivo di Zingonia, dove uno striscione attendeva Gomez e compagni: “Sempre con te, orgoglioso di voi”. Parole semplici, ma reali: questa favola regala ogni giorno capitoli più emozionanti.

 

Visualizza l'immagine su Twitter