ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
lunedì 8 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Sequestratore Amsterdam voleva 200 milioni per l’ostaggio

 

Aveva chiesto 200 milioni di euro in criptovaluta l’uomo che nel pomeriggio di ieri ha tenuto diverse persone in ostaggio per cinque ore in un negozio Apple ad Amsterdam, prima di essere portato in ospedale “gravemente ferito”, secondo quanto ha reso noto oggi la polizia.

L’uomo, identificato solo come un 27enne di Amsterdam, è entrato nell’Apple Store in tutta mimetica e con un’arma da fuoco in pugno.

Ha quindi preso in ostaggio un uomo, un cittadino britannico di 44 anni, secondo quanto riferito, mentre altri quattro si sono nascosti in un armadio. Inizialmente si temeva che il sospetto tenesse in ostaggio diverse persone, ma secondo quanto riferito, non si era reso conto che molte altre persone si stessero nascondendo nell’edificio.
In una conferenza stampa, il capo della polizia Frank Paauw ha affermato che il sospetto ha chiesto 200 milioni in criptovaluta prima di essere infine arrestato dalla polizia.
L’epilogo è arrivato intorno alle 10:30, quando l’ostaggio ha chiesto dell’acqua ed ha lasciato l’edificio per poi riuscire a scappare, spingendo il sospetto a inseguirlo. Il sospetto è stato a quel punto colpito duramente da un’auto della polizia prima che un robot lo controllasse alla ricerca di esplosivi mentre giaceva sulla strada, coperto dai mirini laser dei cecchini della polizia.
“Un’auto delle forze speciali ha reagito in modo molto adeguato e attento”, ha detto Paauw, aggiungendo che “l’ostaggio ha svolto un ruolo da eroe. In pochi secondi è sfuggito…
altrimenti sarebbe stata una notte ancora più lunga e una brutta notte”.
Circa 70 persone in totale sono state evacuate dall’edificio.
Il sospetto è stato portato in ospedale “gravemente ferito”, ha detto Paauw, e le indagini sull’incidente sono in corso.