Sei in: Home > Edizioni Locali > Genova > Senato riunito per il voto sul decreto Genova

Senato riunito per il voto sul decreto Genova

Sono cominciate le dichiarazioni di voto in Senato e si concluderanno con il voto finale sul provvedimento

Matteo Renzi è intervenuto in Senato riferendo: “Votiamo no a questo decreto per scelta delle opposizioni: di fronte alle tragedia o si chiede alle opposizioni un patto, o si fa in modo che l’opposizione sia l’alibi per coprire le proprie incapacità”.

“Nelle ore successive alla tragedia avete gettato fango sulle opposizioni, dicendo il falso. Di Maio sappia che non abbiamo approvato la concessione ad Autostrade, quello l’ha fatto il giovane deputato Matteo Salvini. Poi è falso che il Pd abbia preso soldi da Autostrade, che invece ha finanziato la Lega nord per l’Indipendenza della Padania”.

Il senatore di Forza Italia Sandro Mario Biasotti, ha invece annunciato quale esito avrà il voto del suo partito sul decreto Genova e altre emergenze: “Alla Camera ci siamo astenuti e faremo la stessa cosa qua per amore della città. Ma non possiamo non rimarcare tutti gli sbagli, impreparazioni e bugie di questo decreto”.

Ha infine aggiunto: “Meritavamo una legge solo per Genova, con tutto il rispetto per gli amici di Ischia e del terremoto di Aquila. Se fosse stata così ve l’avremmo approvata tutti”.

A 93 giorni dal crollo del Ponte Morandi, oggi potrebbe essere il giorno decisivo per l’approvazione del suddetto decreto.

Il Sindaco di Genova Marco Bucci, non aspetta altro che la decisione finale per iniziare i lavori di demolizione dei monconi del Ponte; se il decreto verrà approvato in Senato infatti, si potrà salire al Colle per la firma del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e se anche lui dovesse approvare il provvedimento, Bucci potrà avere pieno possesso dei poteri a lui attribuiti nella funzione di Commissario alla ricostruzione.