Sei in: Home / Articoli / Cronaca / Scoperti 17 lavoratori in nero in un’azienda a Cuneo

Scoperti 17 lavoratori in nero in un’azienda a Cuneo

Un’azienda agricola di Cuneo si serviva di 17 lavoratori in nero. La scoperta Carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro (Nil) nel contrasto al caporalato.

I Carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro (Nil) sono sempre di più al lavoro per combattere il fenomeno nel caporalato. Nell’ambito delle attività in questo senso, i militari hanno scoperto 17 lavoratori in nero che lavoravano per un’azienda agricola di Peveragno (Cuneo). Gli uomini, tredici di origine macedone e i restanti italiani, lavoravano senza un regolare contratto. Tra di loro c’erano anche quattro minorenni e una ragazza di soli 15 anni.

Il titolare dell’azienda per cui i 17 lavoravano in nero è una donna italiana di 57, che è stata denunciata dai Carabinieri. La procedura ora prevede l’applicazione di una sanzione amministrativa di 50mila euro. nello specifico, i militari dell’Arma hanno controllato le condizioni contrattuali di 26 impiegati, incaricati di raccogliere le fragole coltivate in alcune serre. Dei 13 lavoratori in nero che lavoravano nell’azienda, 12 erano in possesso di un passaporto con visto turistico, ma erano sprovvisti del necessario permesso di soggiorno per motivi lavorativi. Il tredicesimo, invece, aveva anche il permesso di soggiorno.

Check Also

Ospedale Galliera, arrestato ladro che rubava dagli uffici

Un uomo di 49 anni di Genova è stato colto in flagrante mentre rubava dagli …