ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Scalinata Borghese riapre ristrutturata, fissata data per l’inaugurazione

Dopo poco più di un anno di lavori, Scalinata Borghese si prepara a riaprire le porte alla città completamente rinnovata. L’appuntamento è per martedì 21 gennaio (salvo imprevisti dell’ultimo momento), giornata in cui i genovesi potranno finalmente soddisfare la curiosità e vedere con i loro occhi come il gioiello Liberty di piazza Tommaseo, alla Foce, è stato ristrutturato.

Il progetto di restyling, che restituisce Scalinata Borghese alla città dopo 15 anni di abbandono, è stato curato dal Gruppo Viziano, che ha investito 2 milioni di euro per ristrutturare tutti e quattro i livelli dell’edificio. La nuova Scalinata è composta da un locale aperto dalla colazione al dopocena, posizionato al piano terra, da un ristorante al piano ammezzato e da uno spazio per convegni e spettacoli al piano interrato.  Sulla terrazza è stato inoltre realizzato un giardino d’inverno.

Il Comune di Genova ha stabilito di dare in concessione Scalinata Borghese per 40 anni. I lavori avrebbero dovuto terminare a metà dicembre, ma alcuni lavori di rifinitura hanno spostato la data d’inaugurazione al 21 gennaio, complice anche la pausa natalizia. Nel pomeriggio, dunque, verranno inaugurati lunghe bar e ristorante, in attesa dell’inaugurazione vera e propria alla presenza delle autorità cittadine. 

scalinata borghese-2

A firmare la parte “food & beverage”, occupandosi del menù e dell’offerta gastronomica di lounge bar e ristorante, è l’imprenditore Massimo Travaglini, già titolare di Fokaccia, il locale che affaccia su largo San Giuseppe, a pochi passi da Galleria Mazzini: « Sarà un punto di aggregazione di qualità per la bellezza del posto, da qui si vede fino a via XX Settembre, e perchè sarà possibile incontrarsi per un caffè, un pranzo, un aperitivo in un luogo pieno di fascino – aveva detto il sindaco Marco Bucci lo scorso ottobre, nel corso di un sopralluogo per osservare lo stato dei lavori – ll recupero  è opera di una azienda genovese e questo è un valore aggiunto significativo, ed è stato realizzato grazie a un contratto di project financing».