Sei in: Home > Articoli > Sanità, è tutto vero: la regione ha detto sì al nuovo ospedale di Latina

Sanità, è tutto vero: la regione ha detto sì al nuovo ospedale di Latina

L’assessore Forte: “Rimane strategica, ancora oggi, l’area di proprietà regionale individuata nella zona di Borgo Piave destinata al nuovo ospedale”

Questa mattina il Consiglio regionale del Lazio ha approvato la realizzazione del nuovo ospedale di Latina. Ad annunciarlo il consigliere regionale del Pd Enrico Forte, firmatario dell’ordine del giorno con cui si impegna la Regione Lazio e l’assessore competente a “valutare tutte le soluzioni possibili affinché venga programmata e finanziata la costruzione di una struttura ospedaliera più moderna e funzionale che possa rispondere alle crescenti esigenze della cittadinanza pontina.

«Il documento – spiega Forte- vuole rinnovare l’esigenza già presente nel piano sanitario del Lazio 2010-2012, e che allo stato attuale, con le mutate condizioni dei conti della Sanità regionale, può trovare un concreto accoglimento e l’inizio di un percorso sul quale sarò costantemente impegnato. Un atto concreto, come dimostra anche il parere favorevole offerto dall’assessore D’Amato. Rimane strategica, ancora oggi, l’area di proprietà regionale individuata nella zona di Borgo Piave destinata al nuovo ospedale, che rappresenta non solo lo strumento per migliorare l’offerta sanitaria di un vastissimo bacino d’utenza, ma anche l’opportunità per rendere più forte, sinergico e virtuoso il rapporto con l’Università. Per questo penso, in futuro, si possa arrivare alla nascita di un vero e proprio policlinico universitario, dalle dimensioni utili al nostro territorio e che sia capace di sviluppare un polo di ricerca in alleanza l’industria chimico- farmaceutica, fiore all’occhiello dell’economia del nostro territorio. Esprimo grande soddisfazione per questo primo passo – conclude Forte – ricordando anche gli sforzi che la Regione sta compiendo per ammodernare l’attuale ospedale, il Santa Maria Goretti, con un impegno economico che va reso compatibile con la prospettiva di un nuovo ospedale, la cui realizzazione passerà attraverso un project financing. Latina ha bisogno di una grande opera per rilanciarsi, e l’ospedale in tal senso può rappresentare un enorme salto verso il futuro».