Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Salvini, telecamere in tutte le classi per difendere docenti da alunni e genitori

Salvini, telecamere in tutte le classi per difendere docenti da alunni e genitori

 

Il Leader del Carroccio in campagna elettorale affronta la tematica delle telecamere in classe e del problema delle violenze nei confronti dei docenti.

“Io sto lavorando perché la scuola torni un luogo di libertà, di rispetto”. Ha detto a Potenza il vicepremier Matteo Salvini, riferendosi alla vicenda di un’insegnante d’italiano di un istituto industriale di Palermo sospesa per due settimane dall’ufficio scolastico provinciale.

Ricordiamo che la docente è stata sospesa perché alcuni studenti hanno realizzato un video accostando il decreto sicurezza del Ministro Salvini alle leggi razziali.

Una vicenda che ha fatto molto discutere e che ha visto intervenire gli stessi studenti per difendere l’insegnante.

“L’insegnate – ha detto – si è limitata a fare una lezione sul fascismo e sull’Olocausto, sono stati invece gli studenti a realizzare il video e a fare l’accostamento tra le leggi razziali e il decreto sicurezza del ministro Salvini, esprimendo una loro personale e legittima opinione”.

“E’ assurdo – commenta ancora il rappresentante – che nel 2019 ci siano problemi nel poter esprimere la propria libera opinione e il proprio pensiero, politico e non che sia. Forse sarebbe meglio che le autorità competenti, dal ministro dell’Istruzione a quello dell’Interno, si occupassero dei reali problemi della scuola nel nostro Paese, a cominciare dalla sicurezza degli edifici scolastici visto che quasi quotidianamente abbiamo problemi di calcinacci che cadono, mettendo a rischio la nostra incolumità, e non solo nelle scuole del Sud”.

Salvini è intervenuto anche sulla questione telecamere. “Metteremo – ha aggiunto il leader della Lega – telecamere negli asili nido e nelle scuole materne per difendere i bambini, ma magari anche nelle scuole superiori per difendere gli insegnanti da alunni e genitori maneschi”.