Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Salvini, nella delega non c’era quanto pattuito

Salvini, nella delega non c’era quanto pattuito

 

“Non voto la Delega fiscale perché non contiene quello che era negli accordi. I ministri della Lega non possono averla in mano alle 13.30 per una riunione alle 14.

Non è l’oroscopo, non è possibile avere mezz’ora di tempo per analizzare il futuro degli italiani. C’è qualcosa da cambiare nella modalità operativa”. Lo ha dichiarato il leader della Lega Matteo Salvini, in una conferenza stampa a Montecitorio, dopo che il premier Mario Draghi ha detto di attendersi da lui una spiegazione sull’assenza dei ministri del Carroccio al Cdm sulla delega fiscale.

“I nostri ministri mi dicevamo che nei corridoio tutti gli altri ministri dicevano ‘avete ragione’. Poi dentro per ipocrisia si china il capo e si alza la manina. Noi non chiniamo il capo quando ci sono di mezzo la casa e il risparmio degli italiani”. Lo ha dichiarato il leader della Lega in una conferenza stampa, parlando dell’assenza della Lega nel Cdm sulla Delega fiscale. “C’è un’ipotesi di aumento di tasse che la Lega non avalla”, ha aggiunto.

“Non è una crisi di governo. C’è un governo che deve chiarire che non è il momento di aumentare le tasse. Nessuno strappo, semplicemente chiarezza. In questo momento aumentare di un euro una tassa per un italiano non va bene”. Lo ha dichiarato il leader della Lega Matteo Salvini, in una conferenza stampa a Montecitorio, definendo “tutto vago” il contenuto della Delega fiscale.

“La riforma del catasto va bene quando parla di emersione degli immobili fantasma, affinché un milione di immobili inesistenti diventino esistenti, questo è corretto, ma c’è un punto che lascia trasparire un aumento, Confedilizia ha parlato di salasso, è quando per valutare un immobile si passa dai vani ai metri quadri: l’aumento medio previsto quando ci provo Renzi con un blitz del genere era del 40% a famiglia”, ha detto Salvini.

“Ho fatto personalmente gli auguri ai sindaci di Milano, Bologna e Napoli, perché sono sindaci di tutti. Conto che anche gli altri facciano gli auguri ai 69 nuovi sindaci della Lega. Mi auguro che se ne aggiungano altri dopo i ballottaggi, potremmo arrivare a un centinaio in più su 1.300 comuni al voto. Sarebbe un incremento del 10%”. Lo ha dichiarato il leader della Lega Matteo Salvini, in una conferenza stampa a Montecitorio.