ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
sabato 13 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Rovereto, sui muri compare la scritta “Salvini muori”

Ieri sui muri di Rovereto è comparsa una scritta rossa indirizzata al Ministro dell’Interno: “Salvini muori”. Ma lui sui social: le “minacce non ci spaventano”.

In questi giorni il vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini si trova in Val Rendena, a Pinzolo. Proprio lì ieri sera ha registrato uno dei suoi soliti video sui social, molto ripreso dalla stampa nelle ore successive, soprattutto per i suoi commenti al caso della nave Diciotti. Tra i tanti, Salvini nel video si rivolge anche alla magistratura che ha avviato un’inchiesta “contro ignoti” per via dei migranti che, per volere del Ministro dell’Interno, non sono autorizzati a sbarcare dalla Diciotti. Secondo il vicepremier non c’è bisogno di rivolgere una denuncia a ignoti, perché è lui, Matteo Salvini, il responsabile. “Denunciatemi”, dice.

Una delle risposte, tra le tantissime, è arrivata anche dalla stessa regione in cui quel video è stato girato, il Trentino. Sui muri di Rovereto, provincia di Trento, sono comparse delle scritte rosse, a caratteri maiuscoli: “Salvini muori”. È successo nella giornata di ieri, ma la reazione del ministro è stata pubblicata oggi, sui vari profili social: “Anche a Rovereto i vigliacchi cercano, inutilmente, di intimidirmi. Chi va a dire a questi fenomeni che le loro minacce non ci spaventano?”. Solidarietà al Ministro arriva dal Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia. “Esprimo tutta la mia solidarietà umana e istituzionale al ministro Matteo Salvini. Violenza e minacce vanno bandite dalla democrazia e non vanno mai sottovalutate”, ha detto Zaia. “Spero si riesca a individuare e punire come meritano i colpevoli di questo ultimo gesto, come di quelli recentissimi di Treviso e Bergamo, accaduti in una continuità temporale che testimonia di un brutto clima antidemocratico, da combattere con la forza delle idee e della libertà”.