Sei in: Home > Articoli > Economia > Riprende il lavoro della Acciai Speciali Terni, ma alcuni reparti sono fermi per il virus

Riprende il lavoro della Acciai Speciali Terni, ma alcuni reparti sono fermi per il virus

image_pdfimage_print

Molti dipendenti hanno presentato certificati medici e alcuni reparti dell’azienda non saranno attivi.

E’ ripresa a singhiozzo alle 6 di stamattina l’attività all’Ast di Terni, dopo lo sciopero di due giorni proclamato dalla Rappresentanza sindacale unitaria (Rsu), che ha comportato 48 ore di sospensione della produzione concordate con l’azienda e la giornata di formazione dei lavoratori sul covid-19.

Già nella tarda serata di ieri la direzione aziendale ha comunicato alle Rsu che, a causa dei numerosi certificati medici inviati da parte dei dipendenti, non sarebbe stata in grado di ‘armare’ le squadre nel reparto Acc, dunque nell’area a caldo dello stabilimento. Pertanto questo resterà fermo per tutti e tre i turni di oggi. Ma – in base a quanto riferito stamani da fonti sindacali – anche altri reparti dell’area a freddo sono fermi o lavorano a ritmo ridotto.

In corso un sopralluogo nella fabbrica da parte di Rsu, azienda e Usl per verificare il rispetto delle misure di contenimento del contagio da coronavirus. Per le rappresentanze sindacali devono essere infatti “garantite tutte le condizioni idonee” a tutela dei lavoratori.