ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
venerdì 19 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

“Ringraziamo la Commissione 9 (Istruzione, formazione e lavoro) per aver scelto un percorso di approfondimento dopo una risoluzione presentata in cui evidenziavamo le storture di un modello andato in crisi soprattutto durante la pandemia”

“Ringraziamo la Commissione 9 (Istruzione, formazione e lavoro) per aver scelto un percorso di approfondimento dopo una risoluzione presentata in cui evidenziavamo le storture di un modello andato in crisi soprattutto durante la pandemia”

Avevamo depositato una risoluzione lanno scorso per chiedere di smettere con la pratica di sfruttamento gratuito delle studentesse e degli studenti con i tirocini gratuiti obbligatori all’interno delle università italiane.
La pandemia – spiegano i consiglieri di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu – aveva evidenziato quanto assurda fosse per alcune facoltà la logica per cui il percorso accademico deve poter servire a lavorare.
La Presidente della Commissione 9 Laura Sparavigna, insieme al gruppo del Partito Democratico, ha voluto organizzare alcune audizioni, con le diverse parti coinvolte, per approfondimenti.
La ringraziamo, così come esprimiamo soddisfazione per essere arrivati a un testo di compromesso ieri, con tutte le parti presenti.
Permangono diversità profonde, specialmente perché davvero crediamo che studiare serva a crescere come persone, non a valorizzare la propria mente e il proprio corpo quasi le persone fossero merci da autopromuovere sul mercato.
Intanto però si è chiesto al Parlamento (ormai il prossimo) di ascoltare le denunce delle organizzazioni studentesche e di prevedere forme di rimborso, per chi sostiene spese per i propri spostamenti o di altra natura.
Adesso – concludono i consiglieri di Sinistra Progetto Comune – attendiamo che la discussione arrivi nel Salone de’ Dugento, ringraziando il tirocinante che presso il nostro gruppo consiliare ci ha aiutato ad arrivare alla stesura dell’atto, dimostrando come anche le esperienze positive non rimuovano il problema di tempo di vita “speso” senza retribuzione”. (s.spa.)