Sei in: Home > Edizioni Locali > Remaschi: “La Toscana investe nella qualità”

Remaschi: “La Toscana investe nella qualità”

image_pdfimage_print

Marco Remaschi, assessore regionale all’agricoltura della Regione Toscana, parla del futuro della Regione.

In occasione della Settimana delle Anteprime, che si svolgerà dal 15 al 22 febbraio, l’assessore regionale all’agricoltura della Toscana Remaschi ha parlato del 2030.

“La vision 2030 della Toscana del vino: mercati, enoturismo e innovazione. I numeri dicono che la Toscana è una regione che punta sulla qualità.

Sono 58 i riconoscimenti tra Dop (52) e Igp (6) che interessano la produzione regionale, che si attesta per quanto riguarda la vendemmia 2019 a 2,6 milioni di ettolitri; dei circa 59mila ettari del vigneto toscano, ben 56mila risultano destinati a denominazioni certificate, per una percentuale del 96%, che supera di gran lunga la media nazionale del 62%.

Traducendo i volumi in valore, limitatamente ai vini Ig, la produzione imbottigliata vale complessivamente quasi un miliardo di euro: 793 milioni di euro circa per le Dop e 168 milioni per le Igp. Una scelta di qualità confermata dalla richiesta di mantenimento delle superfici esistenti da parte dei Consorzi, che hanno preferito dunque lavorare sul livello qualitativo, già altissimo, investendo ad esempio sull’innovazione.

Sono convinto che riusciremo ancora a crescere e ad affermarci sui mercati internazionali, dove vedo grandi prospettive, specialmente nei paesi asiatici e per riuscirci è necessario che la Toscana si proponga unita. Trovo molto interessante la proposta che arriva da molti Consorzi di inserire nell’etichetta dei vini, in bella evidenza, la parola “Toscana”, una regione conosciuta in tutto il mondo come sinonimo di qualità, di bellezze artistiche e ambientali che aggiungerebbero valore al prodotto messo in commercio.”